00:32 23 Maggio 2018
Roma+ 20°C
Mosca+ 15°C
    Misure preventive in Francia

    Terrorismo, la Francia pensa alla detenzione preventiva

    © AP Photo / Jerome Delay
    Mondo
    URL abbreviato
    110

    Dopo le stragi di Parigi il governo francese chiede al Consiglio di Stato un parere preventivo per la creazione di centri di detenzione per i sospettati di terrorismo.

    Sui media internazionali si parla già da ore di Guantanamo francese, dopo la notizia, diffusa questa mattina dal sito Lundi Matin, della richiesta inoltrata al Consiglio di Stato dal governo guidato da Manuel Valls di un parere sulla realizzazione di centri di detenzione temporanea per sospettati di terrorismo.

    E' quanto si può leggere dal documento pubblicato dal blog francese stamattina e non smentito da Parigi. La proposta, che secondo fonti dell'ufficio del primo ministro Valls, proverrebbe dai banchi dell'opposizione ma, in ossequio a quanto sottolineato dal presidente Francois Hollande al Congresso di Versailles dello scorso 16 novembre, tutte le proposte, anche quelle provenienti dalla minoranza, sarebbero state vagliate e sottoposte a valutazione del Consiglio di Stato.

    Nello specifico la proposta mira alla carcerazione preventiva di una particolare categoria di persone schedate in Francia, ossia la categoria S. Tra le 21 "fiche" con cui si può essere "etichettati" nel corso delle indagini in Francia, c'è infatti la S, riservata ai sospettati di minacciare la sicurezza pubblica, a cui si è aggiunta da anni la sottocategoria S14, assegnata ai jihadisti tornati a Ira e Siria.

    Dopo le pressanti richieste da parte di esponenti del partito di Nicholas Sarkozy, il progetto di riforma svelato oggi prevederebbe la detenzione preventiva con l'obiettivo di "accrescere la sorveglianza" sulle persone già schedate dalla polizia in categoria ritenute particolarmente sensibili, come appunto quelle contrassegnate dall'iniziale S.

    Correlati:

    Attentati Parigi, arrestato l'armiere a Stoccarda
    Attentati Parigi, c'è un altro ricercato
    Tags:
    lotta contro il terrorismo, terrorismo, Francia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik