Widgets Magazine
20:11 15 Luglio 2019
Bilal Erdogan

Il figlio di Erdogan viene chiamato il “ministro del Petrolio del Daesh”

© AP Photo / Ozan Kose
Mondo
URL abbreviato
7301

L'Occidente si rifiuta di credere che la Turchia sia coinvolta nel business con il Daesh, tuttavia anche se si chiudono gli occhi di fronte a prove evidenti, la reputazione del figlio del presidente Erdogan parla da sola, scrive l'edizione tedesca “Handelsblatt”.

Anche se sulla carta Bilal Erdogan, figlio del presidente della Turchia, abbia cercato di mantenere un curriculum impeccabile, la sua biografia è ricca di macchie molto scure, quasi a dire che le accuse russe contro di lui non sono infondate, scrive "Handelsblatt".

Nel 2013 la Procura sospettava Bilal Erdogan del riciclaggio del denaro di suo padre. L'accusa era basata su un dossier, che includeva foto ed intercettazioni telefoniche tra Bilal e Recep Tayyip Erdogan.

L'allora primo ministro intimava al figlio di "sbarazzarsi di tutti i soldi a casa", scrive il giornale.

Nei primi mesi del 2014 è apparsa un'altra intercettazione telefonica sul pagamento di 10 milioni di dollari. Non è stato chiarito da chi provenisse il denaro. Tuttavia i media hanno ipotizzato che si trattava di tangenti in relazione alla costruzione di un gasdotto.

Erdogan si era difeso dicendo che l'audio era un montaggio e "un falso sporco."

A novembre il ministro dell'Informazione siriano Omran al-Zoubi aveva detto che il petrolio contrabbandato dal Daesh viene trasportato si autocisterne di proprietà di Bilal Erdogan. Secondo il ministro siriano, il figlio del presidente acquistava dai jihadisti petrolio e manufatti storici.

Secondo altre accuse, Bilal spediva nei Paesi asiatici il petrolio contrabbandato dalle zone occupate dai fondamentalisti in Iraq, fatto per cui i media locali lo hanno chiamato il "ministro del petrolio del Daesh."

La pubblicazione fa notare che i giornali turchi ripetutamente si sono interrogati sul perchè le navi di Bilal si trovassero nelle coste siriane.

Correlati:

Utenti turchi di Twitter senza dubbi: Erdogan coinvolto in contrabbando petrolio del Daesh
Erdogan s’è vendicato per le sue autobotti incendiate…
"Erdogan sogna di far rinascere l'Impero Ottomano"
Damasco accusa: bombardiere russo abbattuto per difendere interessi del figlio di Erdogan
Petrolio di ISIS in economia della Turchia: affari milionari di Erdogan jr su sangue curdi
Il petrolio e l'amicizia con ISIS: segreti e conflitti d'interesse della famiglia Erdogan
Tags:
ISIS, Terrorismo, Contrabbando, Petrolio, Bilal Erdogan, Recep Erdogan, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik