02:44 25 Febbraio 2018
Roma+ 7°C
Mosca-16°C
    Presidente siriano Bashar Assad

    Assad: per successi esercito sarà più forte sostegno Paesi nemici Siria a terroristi

    © Sputnik. Sergei Guneev
    Mondo
    URL abbreviato
    1300

    I Paesi ostili della Siria hanno aumentato i finanziamenti e le forniture di armi ai ribelli, ha detto Assad. Secondo il capo di Stato siriano, questa situazione è frutto dei progressi dell'esercito siriano contro i terroristi.

    Nel corso di un incontro a Damasco con Ali Akbar Velayati, consigliere della guida suprema iraniana, il presidente siriano Bashar Assad ha detto che "i Paesi ostili della Siria" hanno aumentato le forniture di armi e il sostegno finanziario ai ribelli a seguito dei successi dell'esercito siriano sostenuto dalla Russia e dall'Iran.

    "I successi dell'esercito siriano nella lotta contro il terrorismo con il sostegno degli amici, in particolare la Russia e l'Iran, ha spinto alcuni Stati ostili alla Siria a far degenerare la situazione con l'aumento dei finanziamenti e delle fornitura di armi ai ribelli," — l'agenzia di stampa nazionale siriana "Sana" riporta le parole di Assad.

    Il presidente ha sottolineato che la Siria e i suoi alleati continueranno a combattere con determinazione ogni forma di terrorismo, in quanto ritengono che la sua distruzione sarebbe un importante passo avanti verso la stabilità nella regione e nel mondo, così come aprirebbe la porta ad una soluzione politica in Siria.

    A sua volta Velayati ha lodato la resistenza del popolo siriano ed ha promesso che l'Iran continuerà a sostenerla in questo confronto "fatidico".

    Correlati:

    L'esercito di Damasco accusa: Turchia ha intensificato forniture di armi a jihadisti
    Esercito di Assad segnala di essere stato attaccato con colpi di mortaio dalla Turchia
    Il Giornale: in Siria è gioco sporco della Turchia
    Tags:
    Finanze, Terrorismo, Armi, ISIS, Ali Akbar Velayati, Bashar al-Assad, Medio Oriente, Siria, Russia, Iran
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik