22:40 25 Settembre 2017
Roma+ 19°C
Mosca+ 10°C
    Istanbul (foto d'archivio)

    Su Twitter la paura dei turchi dopo abbattimento Su-24: “tempi bui” all'orizzonte

    © Sputnik. Ruslan Krivobok
    Mondo
    URL abbreviato
    103184220

    Gli utenti turchi su Twitter stanno attivamente discutendo l'incidente avvenuto martedì nei cieli al confine turco-siriano, dove un caccia dell'Aviazione turca ha abbattuto un bombardiere russo Su-24.

    L'utente Demir Ok @ demir35 ha scritto: "Non capisco come un aereo che abbia violato lo spazio aereo per 17 secondi possa essere stato avvisato per 5 minuti."

    Allo stesso tempo alcuni sostengono l'azione repressiva delle forze aeree nazionali, perché credono che l'aereo russo abbia attraversato lo spazio aereo turco.

    "Nessun Paese al mondo permette di violare il proprio spazio aereo. La Russia sta cercando di proposito di fomentare una crisi, ma non troverà la comprensione del mondo. Eppure la Turchia non aveva avvertito la Russia che se ci fossero state altre violazioni, avrebbe fatto tutto il necessario? La Russia non aveva promesso che non si sarebbe ripetuto? "- ha scritto Bahadır Açıkel‏@bahadiracikel.

    Molti utenti dei social network stanno cercando di valutare l'impatto dell'incidente e di discutere i possibili scenari.

    "La politica estera dell'AKP (Partito Giustizia e Sviluppo del presidente Erdogan) può essere sinteticamente riassunta come segue: 1. L'abbattimento dell'aereo dimostra che il Paese potrebbe essere trascinato in qualsiasi guerra 2. I turcomanni sono un pretesto, il sostegno ai jihadisti è una realtà," — dice l'utente Nuri Günay‏@nurigunay_HE.

    "Penso che ci troviamo di fronte alle autorità più pericolosr in termini di politica interna ed estera della storia repubblicana (della Turchia). Prevedere cosa possa fare è impossibile", — ritiene Umut Ozkirimli‏@UOzkirimli.

    Inoltre gli utenti hanno evidenziato la crescente crisi nelle relazioni tra la Russia e la Turchia.

    ilhan tanir‏@WashingtonPoint riporta le parole del presidente russo Vladimir Putin, secondo cui in Turchia finisce la gran parte del petrolio di contrabbando prodotto da ISIS nelle zone occupare della Siria.

    "Sta iniziando un periodo buio nelle relazioni turco-russe", — l'utente commenta così le parole di Putin.

    Ercan Gün @ ercangun1 ha scritto: "La crisi è molto profonda… le dichiarazioni di Putin sono molto spiacevoli…"

    "Il ministro degli Esteri russo Lavrov ha cancellato la sua visita in Turchia. La crisi sta crescendo," — deduce Ömer Şahin‏@omer_sahinn.

    L'ex ministro della Cultura e del Turismo Ertuğrul Günay ha detto:

    "La Russia è un Paese molto importante per la Turchia in termini di cooperazione in molti campi, in particolare nel settore del turismo, del commercio e dell'industria. Abbiamo bisogno di sobrietà, non di eroismo."

    E ancora:

    "L'intervento della Turchia nella crisi siriana non solo non risolve i problemi esistenti, ma ha inoltre fatto nascere nuove e più gravi difficoltà per il Paese. Penso che il nuovo governo debba tenerne conto."

    Ha fatto un bilancio Fatih Özbay, professore e docente della Facoltà di Relazioni Internazionali dell'Università di Tecnologie di Istanbul e sostenitore del governo in carica.

    "Ho sempre detto che lo scenario peggiore è una guerra turco-russa sulla base della crisi siriana. Non possiamo nemmeno immaginare in quali conseguenze disastrose si trasformerà."

    Correlati:

    Russia-Turchia, Mosca cancella forum intergovernativo
    Mosca: le azioni della Turchia non rimarranno senza risposta
    Voli verso la Turchia e Turkish Stream, possibile stop
    Erdogan minaccia: Turchia continuerà ad abbattere aerei nel suo territorio come Su-24
    Putin: Ankara spinge ad un punto morto i rapporti tra Russia e Turchia
    Tags:
    Terrorismo, Politica Internazionale, Società, jet abbattuto in Siria, Abbattimento jet russo, ISIS, Vladimir Putin, Recep Erdogan, Russia, Siria, Turchia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik