17:52 21 Settembre 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 15°C
    CCTV surveillance

    New York Times: “La sorveglianza di massa non è la risposta per combattere il terrorismo”

    © flickr.com/ Henning Mühlinghaus
    Mondo
    URL abbreviato
    168742

    Dopo gli attentati di Parigi, nel cuore dell’Europa, il tema delle restrizioni delle libertà in nome della sicurezza ritorna al centro dell’attenzione da parte della politica e non solo dell’intelligence.

    Qualcosa si muove anche in Italia. Il procuratore nazionale antiterrorismo, Franco Roberti, su Radio 24 ha affermato che, alla ricerca di un punto di incontro tra l'esigenza di sicurezza e la tutela della privacy "il tema delle intercettazioni e del controllo delle conversazioni telematiche e informatiche dovrà tornare all'attenzione del Parlamento. Non si tratta di frugare nei computer dei cittadini o cedere una parte delle libertà, ma accettare una compressione dei diritti di privacy in nome della sicurezza".

    Il capo di CIA John Brennan
    © AP Photo/ J. Scott Applewhite
    Il capo di CIA John Brennan
    Il direttore della Cia, John Brennan, in un intervento al Center for strategic and international studies' Global security forum ha parlato di "un campanello d'allarme" che deve farci riflettere su crittografia e sorveglianza elettronica. Le preoccupazioni riguardano il diffondersi dell'utilizzo di questa tecnologia anche in sistemi operativi come Apple iOS 8 e sistemi di messaging come Whatsapp, che rendono più difficili le indagini, tanto che il direttore dell'Fbi, James Comey, ha fatto pressioni sulle società tecnologiche affinché aggiungano "backdoors" — letteralmente "porte sul retro" — che permettano l'accesso degli investigatori alle conversazioni.

    Il New York Times ha aperto oggi il dibattito sul tema con un editoriale secondo il quale la sorveglianza di massa non è la risposta per combattere il terrorismo.

    In particolare, il quotidiano ha attaccato proprio John Brennan. Secondo il New York Times, il direttore della Cia, rientra tra quelli che "non perdono tempo e sfruttano a fini personali la tragedia".

    "Ricordando — ha proseguito l'editoriale — le bugie pronunciate da lui e dal suo capo, James Clapper, direttore dell'intelligence statunitense, è difficile credere a quello che dice Brennan. Quello che è successo a Parigi, come ha detto un esperto dell'antiterrorismo francese, ha mostrato che "la nostra intelligence è abbastanza buona, ma la nostra capacità di agire è limitata dai grandi numeri", visto che la maggior parte degli attentatori era già conosciuta dalle intelligence di Francia e Belgio. In altre parole, il problema in questo caso non è stato una mancanza di dati, ma l'incapacità di agire in base alle informazioni che le autorità avevano già. La raccolta indiscriminata di dati — prosegue l'editoriale — non è stata utile e l'intelligence non ha dimostrato di aver sventato un attacco terroristico grazie a quel programma".

    Duro il monito del quotidiano internazionale:

    "L'intelligence deve avere i poteri necessari per sventare gli attacchi terroristici, naturalmente, ma questo non significa accettare senza riserve tattiche inefficaci e molto probabilmente incostituzionali che riducono le libertà civili senza rendere il pubblico più sicuro".

    Correlati:

    Parigi. Fu davvero così imprevedibile?
    Bandiere francesi e giovani musulmani contro il terrorismo, dopo Parigi sui social
    Tags:
    Sorveglianza, New York Times, FBI, CIA, Radio 24, Franco Кoberti, James Clapper, James Comey, John Brennan, USA, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik