05:30 17 Luglio 2018
Lamine Diack premia Husain Bolt ai Mondiali di Pechino del 2015

Dopo le accuse di corruzione Lamine Diack si dimette anche dal CIO

© Sputnik . Alexander Vilf
Mondo
URL abbreviato
0 12

Lamine Diack, ex presidente della IAAF, è accusato di aver accettato tangenti per nascondere l’uso di doping da parte di atleti russi.

L'ex capo dell'Associazione delle Federazioni di Atletica (IAAF) si è dimesso dalla sua posizione di membro onorario del Comitato Olimpico Internazionale a seguito delle accuse di aver accettato tangenti per coprire controlli anti-doping positivi di atleti.

Secondo l'emittente BBC, Lamine Diack è stato provvisoriamente sospeso dal CIO a seguito dell'indagine sulla corruzione portata avanti dalla polizia francese. Diack era stato arrestato la settimana scorsa in Francia ed era stato accusato di aver accettato tangenti dalla Federazione Russa di Atletica per nascondere l'uso di doping da parte di atleti russi.

La IAAF è stata coinvolta martedì in un rapporto della commissione della World Anti-Doping Agency (WADA), che ha accusato la Russia di numerose violazioni dei codici anti-doping globali e ha chiesto che il paese venga bannato dalle competizioni atletiche internazionali, incluse le Olimpiadi del 2016.    

Correlati:

Mondiali e Scandali, quando gli USA fanno scuola
Tags:
tangenti, doping, sport, WADA, Comitato Olimpico, Associazione Internazionale delle Federazioni di Atletica, Lamine Diack
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik