20:33 15 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
1160
Seguici su

Russia e Iran stanno collaborando in Siria nell'ambito del diritto internazionale in base alla richiesta delle legittime autorità siriane, ha dichiarato il procuratore generale iraniano Seyyed Ebrahim Raeisi.

Iran e Russia stanno combattendo insieme con successo contro il terrorismo in Siria, ha dichiarato il procuratore generale della Repubblica islamica Seyyed Ebrahim Raeisi alla conferenza dell'Associazione Internazionale dei Procuratori a Sochi.

Ha osservato che la cooperazione tra la Russia e l'Iran in Siria si basa su una richiesta legittima da parte del governo siriano, rispetta gli standard internazionali e interessa vari aspetti del campo della politica, sicurezza e difesa.

"L'Iran e la Federazione Russa stanno implementando una cooperazione efficace nella lotta contro il terrorismo con lo scopo di stabilire e garantire la pace e la stabilità in Siria e nella regione," — ha affermato Seyyed Ebrahim Raeisi.

Ha aggiunto che per la sicurezza tutti i Paesi dovrebbero lavorare insieme per risolvere i problemi della regione legati al terrorismo e all'estremismo.

Dal 30 settembre, su richiesta del presidente siriano Bashar Assad alla Russia, l'Aviazione russa compie attacchi di precisione contro gli obiettivi dello "Stato Islamico" in Siria. Gli obiettivi sono selezionati sulla base dei dati d'intelligence di Russia, Siria, Iraq e Iran.

Precedentemente Russia, Iran, Iraq e Siria avevano creato un centro informativo a Baghdad per coordinare la lotta contro ISIS. Le principali funzioni di questo centro sono la raccolta, l'elaborazione e l'analisi dei dati attuali sulla situazione in Medio Oriente nell'ambito della lotta contro i fondamentalisti, la diffusione delle informazioni su richiesta e il loro trasferimento agli stati maggiori di questi Paesi. Inoltre in precedenza Mosca aveva invitato tutte le parti interessate ad unirsi nel centro di Baghdad.

Tags:
Terrorismo, Giustizia, ISIS, Seyyed Ebrahim Raeisi, Medio Oriente, Siria, Iran
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook