23:34 19 Ottobre 2018
Il Ministro degli Esteri britannico Philip Hammond

Sciagura A321, Foreign Office: aspettare i risultati dell’inchiesta

© AP Photo / Stefan Wermuth, Pool
Mondo
URL abbreviato
541

Gran Bretagna ha dichiarato che conviene aspettare per i risultati ufficiali dell’inchiesta sulla sciagura dell’A321 russo, in quanto le supposizioni della parte inglese sul coinvlgimento dell’ISIS erano basate sulla valutazione del quadro informativo.

Gli specialisti di Russia e Egitto sapranno dire meglio degli altri se si è trattato di un attentato, ha dichiarato lunedì il ministro degli Esteri britannico Philip Hammond durante la sua permanenza a Washington. Il capo del Foreign Office ha esortato ad aspettare per i risultati dell'inchiesta ufficiale.

"Non abbiamo ancora avuto la possibilità di discutere le conseguenze che potrebbe avere l'ipotesi di una bomba a bordo dell'aereo russo precipitato nel Sinai. Dovremo valutare minuziosamente tutte le conseguenze che ciò potrebbe avere non solo per noi, ma anche per il modo in ci vediamo la partecipazione della Russia ai processi in Siria e altrove",

ha detto Hammond nel corso del suo incontro con il Segretario di Stato USA John Kerry.

Hammond ha precisato che conviene aspettare i risultati dell'inchiesta.

"La risposta univoca, se si è trattato d una bomba, la daranno gli esperti che analizzeranno i rottami dell'aereo. È un processo che ovviamente noi non controlliamo. Gli egiziani e i russi sapranno rispondere molto meglio. Le nostre conclusioni e le decisioni che abbiamo preso si basano sulla totalità delle informazioni che abbiamo, parte di queste informazioni sono aperte, altre si basano sui dati di intelligence",

ha detto Hammond.    

Correlati:

"Kogalymavia": A321 precipitato per via di un impatto esterno
Sciagura nel Sinai, intercettazioni parlano di una bomba
CBS News: satellite USA scopre lampo di calore accanto all’Airbus russo caduto nel Sinai
Tags:
Sciagura A321, il ministro degli Esteri britannico Philip Hammond
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik