Widgets Magazine
23:18 20 Ottobre 2019
Flowers, candles and toys to commemorate the Airbus A321 victims, outside the Russian general consulate in Riga

Maria Zakharova: “Qualcun altro è Charlie?”

© Sputnik . Oksana Dzhadan
Mondo
URL abbreviato
18380
Seguici su

La portavoce del ministero degli Esteri della Russia ha sollevato questo interrogativo su Facebook dopo che la rivista francese Charlie Hebdo ha pubblicato delle vignette sulla sciagura dell’aereo A321 russo nel Sinai.

Maria Zakharova, portavoce ufficiale del ministero degli Esteri, ha commentato le caricature sulla tragedia dell'A321 russo in Egitto, comparse sulle pagine della rivista francese Charlie Hebdo.

"Qualcun altro è Charlie?" — ha scritto Zakharova su Facebook.

 

In precedenza la rivista ha pubblicato due caricature sul tema della sciagura dell'aereo russo. Una delle immagini mostra un combattente dello "Stato islamico" che si ripara la testa mentre su di lui cadono dei pezzi dell'aereo, nell'altra è raffigurato un teschio con occhiali da sole sullo sfondo dei rottami dell'aereo.

Non è la prima volta che la rivista francese "ironizza" sulle vittime delle tragedie. L'estate scorsa, per esempio, dopo che venivano scoperti i primi frammenti dell'aereo malese scomparso nell'oceano Indiano, Charlie Hebdo ha pubblicato una vignetta che mostrava dei "frammenti" di una hostess e di un pilota del Boeing scomparso.

Airbus A321 luogo dello schianto in Egitto
© Sputnik . Maxim Grigoryev
Airbus A321 luogo dello schianto in Egitto

In settembre Maria Zakharova aveva commentato la vignetta di Charlie Hebdo sulla morte del piccolo siriano.

"Sapete perché non sono Charlie? Perché credo che stiano ingannando sia noi, sia se stessi… dicendo che non esistono temi vietati. Se così fosse, si potrebbe capire (non accettare, ma capire) anche la caricatura sulla morte del piccolo siriano, ma soltanto ad una condizione: se il giorno dopo l'attacco terroristico alla sua redazione Charlie pubblicasse un numero con vignette dei colleghi uccisi. In tal caso quello che fanno i giornalisti dell'edizione sarebbe sì una provocazione pericolosa, ma si potrebbe almeno parlare di una concezione del mondo particolare", — ha scritto allora la portavoce del ministero degli Esteri.

a312
© Sputnik . Vitaly Podvitsky
In gennaio dell'anno in corso, dopo la pubblicazione delle vignette su Maometto, contro la redazione di Charlie Hebdo è stato sferrato un attacco armato. Due malviventi hanno fatto irruzione negli uffici della rivista, aprendo il fuoco. Nell'attacco sono more 12 persone, compresi 2 agenti di polizia.

Poco dopo l'attacco alla redazione sui social media è comparso l'hashtag #JeSuisCharlie (Sono Charlie). Lo slogan è diventato estremamente diffuso, lo si poteva vedere sulle prime pagine dei giornali francesi, su tantissimi siti internet, nelle vetrine dei negozi… Molte persone portavano distintivi con queste parole.    

Correlati:

Charlie Hebdo: niente più vignette su Maometto
Ucciso il leader di Al Qaeda che ha rivendicato l’attentato a Charlie Hebdo
Tags:
vignette di Charlie Hebdo, Maria Zakharova
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik