08:47 14 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

Milizie armate hanno prelevato nella notte Ahmed Al Qadar, ministro per la Pianificazione del governo di Tripoli. Scontri nella notte nella capitale libica. Sempre più complicato il percorso verso un governo di unità nazionale.

Nella Libia dilaniata dalla presenza dell'ISIS, oltre che da una guerra civile che l'ha divisa tra il governo legittimo di Tobruck e quello ribelle insediatosi a Tripoli, arriva oggi una notizia destinata a far vacillare i già fragilissimi equilibri geopolitici nel Paese, al centro di un interminabile negoziato sotto egida ONU per arrivare ad un governo di unità nazionale.

Nella giornata di ieri un gruppo armato di miliziani ha infatti rapito il ministro per la Pianificazione di Tripoli, Ahmed Al Qadar, dai suoi uffici. A riferirlo è stata l'agenzia di stampa libica al Tadhamoun, che non ha potuto dare ulteriori notizie circa la provenienza dei sequestratori.

Poche ore dopo, dando notizia di violenti scontri scoppiati nella notte a Tripoli a causa del rapimento del ministro, l'emittente panaraba Al Jazeera ha poi riferito della rivendicazione da parte della brigata "Rivoluzionari di Tripoli". Secondo quanto riportato dalla televisione qatariota, il gruppo avrebbe rapito Al Qadar in quanto quest'ultimo "avrebbe sfruttato il nome della brigata per terrorizzare e gli impiegati del ministero e per mettere le mani sul bilancio del dicastero per scopi personali".

Dopo il rapimento, gruppi armati provenienti da Zliten, città di provenienza del ministro, sarebbero entrati in azione aprendo il fuoco contro i commando dei Rivoluzionari, dando vita a scontri che sono durati tutta la notte. 

Correlati:

Tobruk e Tripoli, accuse a vicenda del rapimento degli italiani
Libia, Gentiloni: sosterremo la sua rinascita
La Libia quattro anni dopo la morte di Gheddafi
Libia, Gentiloni: pressioni fisiche e militari contro accordo
Libia: “C'è accordo per governo di unità nazionale”
Renzi: Italia pronta a ruolo guida in Libia
Tags:
Terrorismo, rapimento, ISIS, Ahmed Al Qadar, Libia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook