16:10 21 Settembre 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 15°C
    Adel al-Jubeir, capo della diplomazia dell'Arabia Saudita

    Siria, senza soluzione politica l'Arabia Saudita continuerà ad armare l'opposizione

    © AFP 2017/ STR
    Mondo
    URL abbreviato
    71122017

    Adel al-Jubeir, ministro degli Esteri dell'Arabia Saudita, ha dichiarato che il suo Paese potrebbe continuare a sostenere l'opposizione moderata in Siria nel caso in cui gli sforzi per trovare una soluzione politica falliscano.

    Se falliranno i tentativi per trovare una soluzione politica della crisi siriana, l'Arabia Saudita rafforzerà il suo sostegno all'opposizione moderata, ha dichiarato in Bahrain il ministro degli Esteri saudita Adel al-Jubeir.

    Giovedì a Vienna c'è stato un nuovo incontro tra i ministri degli Esteri di Russia, Stati Uniti, Arabia Saudita e Turchia sulla normalizzazione del conflitto siriano. Venerdì ai quattro Paesi sopracitati, su iniziativa russa, si sono aggiunti altri Stati per discutere le modalità per uscire dalla crisi, tra cui le potenze regionali (Egitto, Giordania, Iran, Iraq, Qatar, Libano, Oman, Emirati Arabi) e straniere (ONU, UE, Gran Bretagna, Germania, Francia, Italia, Cina), per un totale di quasi 20 Paesi. I partecipanti ai negoziati sono riusciti a raggiungere un accordo su una serie di punti, in particolare hanno espresso sostegno per conservare l'integrità e la sovranità della Siria come Stato indipendente.

    "Nel caso di fallimento degli sforzi per trovare una soluzione politica al conflitto siriano, l'Arabia Saudita rafforzerà il sostegno all'opposizione moderata, in particolare le forniture di armi," — ha detto al-Jubeir, quando gli è stato chiesto come vede gli sviluppi in Siria, se falliranno i tentativi per trovare una soluzione politica alla crisi.

    In Siria dal marzo 2011 è in corso un conflitto armato in cui, secondo le Nazioni Unite, sono rimaste uccise più di 220mila persone. Le truppe governative si scontrano contro diversi gruppi armati. I ribelli più attivi sono i gruppi estremisti dello "Stato Islamico" (ISIS) e il "Fronte Al-Nusra." Allo stesso tempo la coalizione guidata dagli Stati Uniti da settembre 2014 effettua raid aerei contro le posizioni di ISIS in Siria bypassando il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e senza coordinare le sue attività con le autorità di Damasco.

    Tags:
    Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Opposizione, Esercito siriano libero, Adel al-Jubeir, Bashar al-Assad, Arabia Saudita, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik