19:19 30 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
929
Seguici su

Già da una settimana il ministero della Difesa russo osserva la promozione nei media della notizia secondo cui i raid in Siria non sarebbero diretti contro le posizioni di ISIS, ha detto il generale Igor Konashenkov, sottolineando di essere sorpreso "dall'ingenuità infantile" dei giornalisti.

Le accuse dei media occidentali secondo cui gli attacchi aerei russi in Siria non sarebbero contro "gli obiettivi di ISIS" sono disinformazione, ha riferito oggi il portavoce del ministero della Difesa russo, il generale Igor Konashenkov.

"Già da una settimana seguiamo la promozione attiva attraverso l'agenzia "Reuters" di certe deduzioni, secondo cui l'80% degli attacchi aerei russi "non sono orientati contro le posizioni di ISIS". Fin qui è chiaro. E' disinformazione, per inciso commentano con prove il giorno stesso dell'apparizione di queste informazioni," — ha detto Konashenkov.

Il ministero della Difesa ha esaminato l'intervista pubblicata sul sito di uno dei giornali russi del portavoce dell'ambasciata degli Stati Uniti a Mosca William Stevens, contenente giudizi dull'efficacia dei raid dell'Aviazione russa in Siria.

"Questa pubblicazione è certamente una rara perla giornalistica. Tuttavia non capita tutti i giorni di riuscire a leggere questo. Si tratta di ingenuità infantile," — ha detto Konashenkov.

Ha osservato che sorgono perplessità sulla frase dell'ambasciatore secondo cui "i raid russi colpiscono l'opposizione, compresa la sua parte moderata".

In precedenza il portavoce dell'ambasciata americana a Mosca aveva rilasciato un'intervista ai media russi, in cui aveva detto che l'80% dei raid russi in Siria "non erano diretti contro gli obiettivi di ISIS."

Tags:
generale Igor Konashenkov, Propaganda, Occidente, raid della Russia in Siria, ISIS, ministero della Difesa della Federazione Russa, William Stevens, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook