19:45 16 Dicembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca+ 5°C
    Il presidente Hassan Rohani

    Iran riceve invito, ma ancora non risponde

    © AP Photo/ Vahid Salemi
    Mondo
    URL abbreviato
    2101

    L’Iran per la prima è stato invitato a partecipare alle trattative internazionali sul regolamento pacifico della crisi in Siria, informa l’agenzia Associated Press, riferendosi a personalità ufficiali degli USA.

    Gli interlocutori dell'agenzia, che hanno preferito restar anonimi, hanno informato che si tratta del negoziato che inizierà giovedì a Vienna. Secondo gli americani, a trasmettere l'invito è stata la Russia. Da parte di Teheran, al momento, non c'è nessuna risposta.

    Accetterà l'Iran l'invito che ha ricevuto e a quali condizioni potrebbe partecipare al processo negoziale?

    Della sua visione del problema a Sputnik Persian ha parlato Sabbah Zanganeh, esperto di problemi mediorientali ed ex-consigliere per la difesa del ministro della Difesa dell'Iran, che nel 1980-85 è stato membro della Commissione Difesa del parlamento iraniano.

    - L'Iran ha sempre invocato una soluzione pacifica dei conflitti in Medio Oriente. Nel caso della crisi siriana la posizione dell'Iran è analoga: occorre sviluppare un dialogo politico. Fermare lo spargimento di sangue, la guerra, prevenire che i combattenti possano continuare a ricevere armi — queste sono i presupposti fondamentali della soluzione. Questi obiettivi possono essere raggiunti soltanto se il presidente legittimo resterà al potere. In genere, alla lotta al terrorismo (in questo caso, al terrorismo dello "Stato islamico") devono partecipare tutti gli Stati. Nel caso contrario questa minaccia, comune a tutti, potrà solo crescere.

    Al momento Teheran non ha confermato la sua presenza al negoziato del 30 ottobre, tuttavia l'interlocutore di Sputnik Persian non dubita che rappresentanti dell'Iran andranno a Vienna.

    Il 23 ottobre nella capitale austriaca si è tenuto un incontro a quattro (USA, Russia, Arabia Saudita e Turchia), dove le parti hanno convenuto sulla necessità di cercare una soluzione politica della crisi sulla base del piano "Ginevra-1", approvato nel 2012. La parte russa ha proposto di ampliare il gruppo di contatto, integrando l'Iran. Ora vediamo che la proposta di Mosca è stata accettata. La decisione finale però spetta all'Iran.    

    Correlati:

    Siria, Lavrov: coinvolgere anche Iran ed Egitto per soluzione crisi
    Tags:
    negoziato di Vienna, Iran
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik