13:21 15 Dicembre 2018
Medecins Sans Frontieres (MSF)

“Medici senza frontiere” vuole chiarimenti sull’attacco all’ospedale in Yemen

© AP Photo / Massoud Hossaini
Mondo
URL abbreviato
543

L’ospedale poteva essere attaccato soltanto dalla coalizione guidata dall’Arabia Saudita, sebbene gli alleati avessero le coordinate di questa e di varie altre strutture, ha dichiarato l’organizzazione.

L'organizzazione internazionale "Medici senza frontiere" (MSF) chiederà chiarimenti alla coalizione guidata dall'Arabia Saudita, in quanto gli alleati avevano le coordinate dell'ospedale in Yemen che è stato bombardato, ha dichiarato Laurent Sury dell'ufficio MSF di Parigi, intervistato dall'agenzia RIA Novosti.

"Chiederemo chiarimenti, perché avevamo passato alla coalizione le coordinate GPS di questo ospedale e di altre strutture, e finora non abbiamo mai avuto problemi", — egli ha detto.

Sury ha rilevato che martedì notte contro l'ospedale sono stati sferrati ben 6 "atacchi mirati", le principali strutture dell'ospedale sono state praticamente distrutte da bombe aeree. Due bombe inesplose si trovno tuttora nel territorio dell'ospedale.

"C'è soltanto una parte che conduce attacchi aerei, e qui si tratta proprio di attacchi aerei. Soltanto una parte che ha i mezzi per attaccare dall'aria. È la coalizione, pertanto le chiederemo chiarimenti", — ha detto Sury.

L'ospedale MSF si trova a Heedan, in provincia di Saada. Quando hanno cominciato a piovere le bombe, medici e pazienti si trovavano dentro. Si presume che il raid sia stato compiuto dalle forze della coalizione guidata da Arabia Saudita, tuttavia le autorità di Riad negano la loro responsabilità.

Il Segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon ha condannato i bombardamenti, invocando un'inchiesta rapida, efficiente e imparziale.    

Correlati:

Attacco aereo sull'ospedale di "Medici senza frontiere" in Yemen
Bombardamento di Kunduz, MSF chiede inchiesta indipendente
Tags:
Bombardamenti, Medici Senza Frontiere, Yemen
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik