04:13 20 Agosto 2017
Roma+ 24°C
Mosca+ 18°C
    Casa Bianca, USA

    Casa bianca: piloti russi in Siria devono comunicare in inglese

    © AP Photo/ Jacquelyn Martin
    Mondo
    URL abbreviato
    513035245

    La Casa bianca dichiara che i piloti russi in Siria devono usare frequenze internazionali e comunicare in inglese per evitare eventuali incidenti.

    USA sperano che i piloti russi nel cielo della Siria possano comunicare in lingua inglese, ha detto ai giornalisti il portavoce della Casa bianca Josh Earnest, commentando l'andamento delle consultazioni con la Russia volte a prevenire gli incidenti.

    "Abbiamo già descritto questi incontri come discussioni pratiche a livello operativo, miranti a prevenire che la loro (della Russia) attività possa entrare in conflitto con la nostra. Ciò garantirebbe il rispetto delle regole internazionali in materia di sicurezza dei voli da parte dei piloti russi che durante le operazioni devono usare le frequenze internazionali e comunicare in inglese per evitare incidenti", — ha detto Josh Earnest.

    Gli esperti militari dei due paesi hanno già tenuto tre videoconferenze per redarre il testo dell'eventuale accordo sulla sicurezza dei voli in Siria, dove stanno operando aerei di entrambi i paesi. Venerdì scorso il capo del Direttorato operativo dello Stato maggiore della Russia, generale Andrey Kartapolov, dichiarava che a giorni sarà firmato un memorandum bilaterale sulla sicurezza dei voli in Siria. Il portavoce del ministero della Difesa statunitense Michelle Baldanza, da parte sua, ha detto all'agenzia RIA Novosti che il Pentagono sta lavorando per dare una forma definitiva al memorandum di comprensione per evitare conflitti tra USA e Russia durante le missioni in Siria.    

    Correlati:

    USA non accettano la parola “cooperazione” lavorando con la Russia in Siria
    Accordo su sicurezza aerea in Siria può essere la base per cooperazione tra USA e Russia
    Tags:
    Sicurezza dei voli in Siria, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik