10:42 18 Agosto 2017
Roma+ 25°C
Mosca+ 22°C
    Bandiera italiana

    Bari, San Nicola decantato dal coro del Patriarcato di Mosca

    © flickr.com/ Dave Kellam
    Mondo
    URL abbreviato
    0 42461

    Il 18 ottobre il coro sinodale del Patriarcato di Mosca, diretto dal maestro Alexey Puzakov, si è esibito per la prima volta nella basilica di San Nicola a Bari, cantando anche nella cripta, dove sono custodite le reliquie del santo più venerato della Russia.

    "San Nicola unisce le persone. Dalla Russia qui vengono motissimi pellegrini. Siamo molto grati al coro russo per questa strepitosa esecuzione della musica spirituale", — ha detto il priore della basilica padre Ciro Capotosto.

    Parrocchiani e pellegrini, che hanno gremito al basilica, costruita nell'XI secolo, hanno applaudito in piedi il coro di Mosca.

    Il padre Andrey Boytsov, rettore della Chiesa russa di San Nicola, situata nei pressi della basilica e costruita 100 anni fa su progetto del celebre architetto russo

    Aleksej Sčusev, ha celebrato una liturgia nella cripta della basilica. Per i numerosi pellegrini russi questa festa della musica è stata una piacevole sorpresa, molti di loro hanno voluto congratularsi personalmente con i cantanti.

    "Questo concerto introduce gli italiani alla nostra arte ecclesiastica e contribuisce allo sviluppo delle relazioni culturali tra i nostri popoli", — ha rilevato il padre Andrey Boytsov.

    Il coro del Patriarcato di Mosca è venuto in Puglia come ospite speciale del festival "Canterò per sempre l'amore del Signore", che si svolge a Ruvo di Puglia, su invito della Cappella musicale pontificia sistina, con la quale collabora già da diversi anni.

    Il promotore del festival, maestro Angelo Anselmi, ha informato che la tradizione del festival di Ruvo è nata nel 2020. Da allora il festival si svolge ogni anno in memoria del compositore locale Michele Cantatore. Al festival partecipano anche cori stranieri, ma "la strepitosa musica spirituale russa qui è stata eseguita per la prima volta, ed è stata una vera festa dello spirito".

    Il coro sinodale è uno dei più vecchi cori religiosi professionali della Russia. Nel passato fu coro degli arcivescovi di Kiev, Vladimir e Mosca, nel 1589, dopo l'istituzione del Patriarcato, prese il nome di coro del Patriarca. Il coro partecipava sia alle liturgie, sia alle cerimonie ufficiali dello Stato. Nel 1918 però la sua storia fu interrotta.

    La nuova storia del coro comincia nel 2009, quando viene riunito dal priore della Ciesa di Madre di Dio "Gioia degli Afflitti", arcivescovo Ilarion, che oggi dirige anche il Dipartimento delle relazioni esterne del Patriarcato di Mosca. Il repertorio del coro è composto di musica spirituale classica, scritta da Ciajkovskij, Rakhamaninov, Sviridov, Cesnokov, Bortniansky, L`vov. Per il coro scrive anche lo stesso arcivesvovo Ilarion che ha la laurea del Conservatorio di Mosca.    

    Correlati:

    Per la prima volta si è esibito a Saronno il coro sinodale del patriarcato di Mosca
    Tags:
    Concerto, Coro sinodale del Patriarcato di Mosca, Bari, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik