06:33 22 Novembre 2017
Roma+ 7°C
Mosca0°C
    Un soldato iraniano

    Iran: “Se Assad chiama, siamo pronti”

    © AFP 2017/ IIPA/ALI MOHAMMADI
    Mondo
    URL abbreviato
    32112341

    Secondo Al Jazeera truppe iraniane sono presenti in Siria già da alcune settimane.

    L'Iran è pronto a inviare truppe in Siria qualora Damasco ne faccia richiesta.

    Il presidente della Commissione parlamentare per la Sicurezza nazionale e gli Affari Esteri, Alaedin Boroujerdi, giunto ieri a Damasco per una visita di tre giorni a capo di una delegazione di deputati iraniani, ha incontrato ogg il presidente siriano Bashar al Assad.

    "Rientra nella nostra politica — ha spiegato l'alto responsabile iraniano alla stampa — inviare nostre truppe in aiuto sia dell'Iraq che della Siria".

    Secondo l'emittente televisiva al Jazeera, sarebbero stati già dispiegati di fatto interi reparti delle Guardie della rivoluzione iraniana in Siria in supporto alle truppe di Assad.

    Fra le milizie straniere che combattono per Assad, in base a fonti citate dall'emittente panaraba, sarebbero oggi presenti in Siria la Guardia rivoluzionaria iraniana (Pasdaran), forte di almeno 7.000 combattenti dispiegati a rotazione nella provincia di Aleppo; gli Hezbollah libanesi, presenti con truppe che vanno dai 5.000  agli 8.000 uomini dispiegati sul territorio; Abu al Fadl al Abbas, un gruppo di 3.000 volontari iracheni che difendono il luogo sacro sciita di Sayyida Zeinab, a sud di Damasco; Fatimids, gruppo composto da circa 3.000 afgani; le organizzazioni palestinesi filo-Assad attive nel campo profughi palestinese di Yarmuk.

    Correlati:

    Kadyrov chiede di inviare unità militari della Cecenia in Siria per combattere ISIS
    Francia, in Siria "Assad non può essere il futuro"
    Tags:
    Terrorismo, lotta contro il terrorismo, Raid contro "Stato islamico", al Jazeera, Bashar al-Assad, Alaedin Boroujerdi, Siria, Iran
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik