08:47 21 Novembre 2017
Roma+ 8°C
Mosca0°C
    Ad EXPO 2015

    La Fao per il World Food Day 2015 a Expo

    © Sputnik. Vitaliy Belousov
    Mondo
    URL abbreviato
    0 12602

    Oggi si celebra la Giornata Mondiale dell'Alimentazione. Nella stessa data, 70 anni fa, nasceva la Fao, agenzia ONU impegnata nella lotta alla fame e alla promozione dell'agricoltura sostenibile. Mattarella consegna la Carta di Milano a Ban Ki Moon.

    Protezione sociale e programmi si sviluppo agricolo sono al centro della Giornata Mondiale dell'Alimentazione 2015 organizzata dalla Fao che, in occasione del suo 70esimo compleanno, ha scelto quest'anno i padiglioni di Rho per celebrarla.

    Il tema scelto dall'agenzia Onu, impegnata nella lotta alla fame e alla povertà alimentare nel mondo, è per questa 35esima edizione della Giornata dell'Alimentazione "Protezione sociale e agricoltura per spezzare il ciclo della povertà rurale". In tal senso la scelta di celebrarla ad Expo è sembrata naturale, considerato il target dell'esposizione universale milanese, "Nutrire il Pianeta".

    Oggi, nel corso delle celebrazioni ufficiali, il Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella consegnerà al segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki Moon la Carta di Milano, ossia quel documento immaginato dagli organizzatori come eredità di Expo 2015 che oltre 1 milione tra visitatori, imprese ed istituzioni hanno firmato per promuovere azioni contro la povertà ed in favore di uno sviluppo agricolo più sostenibile.

    Ieri invece era stato il turno di 113 sindaci provenienti da tutto il mondo, con la firma del Urban Food Policy, sintesi delle buone pratiche già presenti in molte capitali mondiali in fatto di alimentazione e sviluppo agricolo. Presenti tra gli altri, i sindaci di Barcellona, Parigi, Mosca, Shangai, New York, Tel Aviv e Toronto. 

    Tags:
    sviluppo, Agricoltura, La Carta di Milano, World Food Day, Giornata Mondiale dell'Alimentazione 2015, Expo 2015, FAO, ONU, Sergio Mattarella, Ban Ki-moon, Italia, Milano
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik