06:19 25 Novembre 2017
Roma+ 11°C
Mosca-5°C
    Jens Stoltenberg

    Montenegro vicino alla Nato tra le proteste del popolo

    © AP Photo/ Virginia Mayo
    Mondo
    URL abbreviato
    3971162

    Per il presidente del movimento per la pace, Gojko Raicevic, “la NATO è sinonimo di sofferenza, di dolore, di sangue, di occupazione di Paesi stranieri e non vogliamo essere parte di quella cattiva compagnia”.

    Il Montenegro ha fatto grandi progressi nel processo di integrazione europea dal momento della sua indipendenza:  il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, durante la visita nel Paese balcanico ha dichiarato che il Montenegro ha "riformato l'esercito e i servizi di sicurezza, in stretta cooperazione con la Nato dal 2006 a oggi". I progressi, a detta del segretario generale dell'Alleanza nord-atlantica "sono stati conseguiti in pochi anni ed è stato fatto molto: sono state approvate nuove leggi e sono stati formati nuovi organismi." Ora il Paese ha la possibilità di fare l'ingresso nell'Alleanza Atlantica nel prossimo dicembre, fra due mesi, e deve dimostrare, secondo Stoltenberg che "il nuovo sistema funziona e crea risultati" a tutti i 28 paesi membri del Patto, che possono valutare in modo autonomo.

    Nell'occasione della visita di Stoltenberg, il movimento per la pace No Guerra No Nato Montenegro ha tenuto una manifestazione pacifica a Podgorica, capitale della ex Repubblica iugoslava, che ha visto la presenza di circa 600 persone.

    Per il presidente del movimento per la pace, Gojko Raicevic, "Stoltenberg deve scusarsi per ciò che la NATO ha fatto alla nostra gente e il Paese. La NATO è sinonimo di sofferenza, di dolore, di sangue, di occupazione di Paesi stranieri e non vogliamo essere parte di quella cattiva compagnia. Preghiamo per le vittime innocenti in Siria, Afghanistan, Iraq, e per i nostri connazionali e donne provenienti da Serbia e Montenegro".

    Raicevic ha aggiunto: "Abbiamo qui brutti ricordi e gli avanzi di uranio impoverito. Noi, il popolo del Montenegro prenderemo in considerazione l'Alleanza come una forza di occupazione."

    Correlati:

    Ankara, Nato invia la Turchia a “risposta proporzionata”
    Stoltenberg: la NATO non entrerà nel conflitto in Siria
    Per la Duma “non costruttiva” la posizione della NATO per inasprire sanzioni vs Russia
    Tags:
    NATO, Jens Stoltenberg, segretario generale della Nato, Gojko Raicevic, Montenegro
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik