23:22 23 Novembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca-4°C
    Petro Poroshenko

    Pur di andare contro la Russia, ora l'Ucraina difende l'ISIS

    © REUTERS/ Andrew Kravchenko/Pool
    Mondo
    URL abbreviato
    73523492

    Il ministero degli Interni ucraino merita l'Ordine di Giuda: in questo modo il portavoce del ministero della Difesa russo, il generale Igor Konashenkov, ha commentato la proposta di Anton Gerashchenko di raccogliere informazioni sui militari russi impegnati nei raid contro lo "Stato Islamico" in Siria.

    Il ministero della Difesa russo ha premiato con "l'Ordine di Giuda" il consigliere del ministero degli Interni dell'Ucraina Anton Gerashchenko, che aveva invitato a raccogliere i dati personali dei militari russi impegnati in Siria per pubblicarli in rete.

    In precedenza Gerashchenko aveva lanciato un appello a raccogliere tutti i dati sui militari russi impegnati in Siria contro ISIS e postarlo in un sito, in modo che i fondamentalisti islamici del Caucaso potessero vendicarsi secondo la sharia dei loro fratelli morti in Siria sotto le bombe russe.

    Anton Gerashchenko
    © Sputnik. Alexandr Maksimenko
    Anton Gerashchenko

    "Il fatto che il consigliere del ministero dell'Interno ucraino Anton Gerashchenko sia simpatizzante e legato ai picchiatori fascisti di "Pravy Sektor" è risaputo da molto tempo. Ma il fatto che questo "ciccione della rivoluzione di dignità" abbia deciso di erigersi ad una sorta di "Bandera 2.0" per l'organizzazione terroristica internazionale ISIS, credo, abbia sorpreso molti non solo in Ucraina e in Europa, ma anche in Medio Oriente. Finalmente l'Ordine di Giuda istituito dallo zar Pietro I ha trovato un suo degno padrone,"- ha detto ai giornalisti oggi il portavoce del ministero della Difesa russo, il generale Igor Konashenkov.

     

    Tags:
    Nazismo, Terrorismo, Occidente, raid della Russia in Siria, Il Ministero della Difesa, ISIS, Unione Europea, Anton Gerashchenko, Igor Konashenkov, Medio Oriente, Siria, UE
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik