21:55 20 Novembre 2017
Roma+ 10°C
Mosca+ 2°C
    La sede dell'ONU a New York

    ONU, tangenti scuotono Palazzo di Vetro

    © flickr.com/ Ashitaka San
    Mondo
    URL abbreviato
    121510

    Arrestato l'ex segretario dell'Assemblea generale e altre 5 persone: l'accusa è di aver ricevuto denaro per favorire i suoi affari. Ban Ki Moon: Scioccato e molto preoccupato.

    Scoppia il caso tangenti alle Nazioni Unite. L'ex segretario dell'Assemblea generale, John Ashe, è stato infatti arrestato insieme ad altre 5 persone con l'accusa di avere realizzato guadagni illeciti dalla sua posizione in senso all'ONU.

    John Ashe, diplomatico 61enne di Antigua e Barbuda.
    © REUTERS/ Mike Segar
    John Ashe, diplomatico 61enne di Antigua e Barbuda.
    Ashe, diplomatico 61enne di Antigua e Barbuda, già rappresentante permanente per il suo Paese prima di ricoprire l'incarico di segretario dell'Assemblea, è stato arrestato ieri nell'ambito di un'inchiesta portata avanti dalla Procura di New York che ha portato in manette anche un miliardario cinese, un diplomatico della Repubblica Dominicana e due cittadini naturalizzati statunitensi e residenti in Cina.

    Secondo l'accusa Ashe avrebbe intascato in questi anni oltre 1,3 milioni di dollari in tangenti, in un complesso meccanismo che ha visto il coinvolgimento attivo di Ng Lap Seng, investitore cinese che per anni ha foraggiato le iniziative di Ashe e che è a capo di una fondazione di cui fanno parte molti ambasciatori delle Nazioni Unite.

    Già in passato il suo gruppo è stato al centro di inchieste federali USA per alcuni finanziamenti ritenuti sospetti al comitato elettorale di Bill Clinton ai tempi della campagna per la sua rielezione e, più recentemente, per delle presunte tangenti in un altro caso che coinvolse una delle più importanti catene di hotel-casino del mondo, la Las Vegas Sands.

    Immediata la reazione del segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki Moon, che si è detto "scioccato e molto preoccupato" per le accuse rivolte ad Ashe, offrendo alle autorità americane massima disponibilità per favorire le indagini.

    Correlati:

    La bandiera palestinese al Palazzo di vetro dell'ONU
    Putin all’Onu, la Russia c’è e ha le idee chiare
    Siria, ISIS, terrorismo, Islam e sanzioni: l'intervento di Putin all'ONU
    Tags:
    Scandalo, indagine, arresto, ONU, John Ashe, Ban Ki-moon, Antigua e Barbuda, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik