15:01 21 Novembre 2017
Roma+ 15°C
Mosca+ 0°C
    Il Pentagono, il quartier generale del Dipartimento della difesa statunitense.

    Russia-Usa, il Pentagono non coordinerà con Mosca l’azione in Siria

    © Foto: Pubblico dominio
    Mondo
    URL abbreviato
    21404223

    Per il portavoce del Dipartimento della difesa Usa, “fin quando l’azione militare russa sarà focalizzata sul sostegno al regime di Assad non si potrà discutere di misure di cooperazione e non lo faremo”.

    Gli Stati Uniti non coordineranno con la Russia le proprie operazioni in Siria fin quando Mosca continuerà a sostenere il presidente siriano Bashar Assad e fin quando non avrà garantito la sicurezza dei piloti americani che operano nell'area. Lo ha affermato il tenente colonnello Michelle Baldanza, portavoce del Dipartimento della difesa americano, intervistata da Ria Novosti.

    Il primo ottobre scorso — ha ricordato Baldanza — il Dipartimento ha tenuto una videoconferenza con funzionari della difesa russi riguardo ai "mezzi tecnici che potrebbero essere utilizzati per garantire la sicurezza dei nostri piloti". E ha aggiunto: "Siamo in attesa che il ministero della Difesa russo risponda alla nostra proposta".

    Mosca ha dato inizio a raid aerei mirati contro postazioni dello Stato Islamico in Siria lo scorso 30 settembre in seguito a una richiesta del presidente siriano Assad. La coalizione internazionale a guida statunitense ha iniziato dallo scorso anno a bombardare le postazioni dei miliziani dell'IS nel paese senza il sostegno del Consiglio dei sicurezza delle Nazioni unite né l'approvazione delle autorità siriane.

    Il sospetto di Washington — ha proseguito Baldanza — è che Mosca stia "continuando a colpire obiettivi non estremisti in Siria, dimostrando di ritenere più importante dare il proprio sostegno al regime di Assad che contrastare lo Stato Islamico". Baldanza ha poi aggiunto che "nel momento in cui la Russia decidesse di concentrare le proprie attività militari sul contrasto dello Stato Islamico", le cose potrebbero cambiare perché gli Usa giudicherebbero "produttiva" una eventuale variazione di rotta. Tuttavia, — ha concluso il portavoce — "fin quando l'azione militare russa sarà focalizzata sul sostegno al regime di Assad non sarà possibile discutere di alcuna misura di cooperazione e non lo faremo".    

    Correlati:

    Nell'ultimo giorno distrutti 9 obbiettivi di ISIS nei raid russi in Siria
    Raid russi e paura per offensiva di Assad: in fuga da Siria combattenti ISIS e jihadisti
    Raid dei caccia russi a Maarrat al-Nu'man - Video
    Il ritorno dei caccia russi dopo i raid contro ISIS in Siria
    Siria, terroristi in panico dopo raid della Russia
    Tags:
    jihadista, jihad, Terrorismo, Raid contro "Stato islamico", raid della Russia in Siria, Dipartimento della Difesa USA, ISIS, Michelle Baldanza, Bashar al-Assad, Siria, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik