21:47 20 Novembre 2017
Roma+ 10°C
Mosca+ 2°C
    Ragazzi siriani ricevono gli aiuti da un cargo russo

    “In Siria la gente considera i russi e Putin come eroi e salvatori”

    © Sputnik. Sergey Guneev
    Mondo
    URL abbreviato
    174715681

    A Tartous e Latakia la gente è convinta che i raid aerei dell'Aviazione russa contro ISIS metterà fine alla guerra, così come che gli Stati Uniti e i suoi alleati sono colpevoli dell'espansione dei terroristi, scrive la redattrice del canale di notizie britannico “Channel 4 News” Lindsey Hilsum.

    I cittadini siriani residenti nei territori controllati dalle autorità, percepiscono i militari russi come salvatori ed eroi, scrive la giornalista britannica e redattrice del canale di notizie internazionale "Channel 4 News" Lindsey Hilsum nel suo articolo per il "The Guardian".

    "Ad oggi i russi sono eroi. La gente dà il benvenuto ai russi che sono arrivati e li accoglie con gioia, pubblicamente ringrazia il presidente Vladimir Putin, credono che li salverà dal terrorismo. Molti sono convinti che l'Occidente sostenga l'ISIS,"- si legge nell'articolo.

    "Vediamo come i russi siano determinati a vincere contro il "Daesh" (ISIS, ndr) e i terroristi, mentre gli americani e la loro coalizione non sembra abbiano questa intenzione. Dopo 1 anno di raid contro il terrorismo, "Daesh" si è rafforzato, non indebolito, pertanto pensiamo che la loro coalizione non sia così seria", — la giornalista riporta le parole del sindaco di Tartous.

    Secondo Lindsay Hilsum, nei territori controllati dal presidente siriano Bashar Assad molte persone dicono di essere pronte a difendere il capo di Stato, ma tutti sperano che la guerra termini al più presto e che finisca la mobilitazione nell'esercito.

    Secondo la giornalista, gli abitanti di Tartous e Latakia sono stati travolti dalla guerra in misura minore, pertanto ignorano l'odio dei loro concittadini nei confronti di Bashar Assad residenti nelle zone maggiormente colpite dal conflitto, come a Damasco, Idlib ed Aleppo, città originariamente occupate dai ribelli dell'opposizione armata.

    Ora i cittadini di Latakia osservano con interesse i voli dei caccia russi, con la speranza che i raid di Mosca segnino l'inizio della fine della guerra, scrive Lindsey Hilsum.

    Tags:
    Politica, Terrorismo, Società, Occidente, Opposizione, raid della Russia in Siria, ISIS, Bashar al-Assad, Vladimir Putin, Siria, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik