06:34 18 Novembre 2018
Combattenti ISIS, Siria (foto d'archivio)

Raid russi e paura per offensiva di Assad: in fuga da Siria combattenti ISIS e jihadisti

© AFP 2018 / AHMED DEEB
Mondo
URL abbreviato
13460

Gli estremisti dello "Stato Islamico", "Fronte Al Nusra" e " Jaish al-Yarmouk", come riportato da una fonte militare all'agenzia “RIA Novosti”, temono l'offensiva delle forze armate di Damasco su tutti i fronti. Migliaia di guerriglieri, secondo le informazioni ricevute, sono scappati in Giordania.

"Non meno di 3mila combattenti di ISIS,"Fronte Al Nusra "e "Jaish al-Yarmouk "sono fuggiti in Giordania perchè hanno paura di una grande offensiva dell'esercito siriano su tutti i fronti e temono i raid aerei russi," — ha detto la fonte di "RIA Novosti".

Secondo l'interlocutore dell'agenzia, l'esercito di Assad ha bombardato i guerriglieri di ISIS e del "Fronte Al-Nusra" nei sobborghi di Damasco, nelle province di Deir ez-Zor ed Homs, comprese le zone circostanti alla città storica di Palmira.

A Deir ez-Zor l'esercito ha inferto un duro colpo ai terroristi di ISIS. Durante la battaglia sono stati uccisi circa 160 ribelli. Durante gli scontri i terroristi sono riusciti a far saltare in aria 3 blindati: ci sono diversi feriti tra i militari siriani.

Nella provincia di Homs i militari di Damasco sono riusciti a distruggere due colonne di ISIS vicino alla città di Palmira.

Nei sobborghi di Damasco gli aerei siriani hanno attaccato le posizioni dei terroristi a Duma e Darayya, mentre ad Harasta è stato distrutto un centro di comando dei fondamentalisti. L'esercito cerca di spingerli fuori dalla città, dove i ribelli con lanciarazzi regolari e colpi di mortaio effettuano regolarmente bombardamenti sui quartieri centrali e storici della capitale.

Secondo fonti militari, tra i terroristi di origine siriana e i "foreign fighters" (mercenari/jihadisti stranieri) sono nate ampie divergenze sul diritto di comandare le operazioni di combattimento.

Tags:
Guerra, raid della Russia in Siria, Aviazione, Esercito, ISIS, Bashar al-Assad, Giordania, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik