23:19 23 Novembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca-4°C
    Ospedale di Kunduz di Medici Senza Frontiere dopo bombardamento USA

    Militari USA si scusano per il bombardamento dell'ospedale di Kunduz in Afghanistan

    © AP Photo/ Médecins Sans Frontières
    Mondo
    URL abbreviato
    6620116

    L'ospedale dell'organizzazione internazionale "Medici Senza Frontiere" situato a Kunduz, nel nord dell'Afghanistan, in cui si trovavano circa 200 persone, è rimasto parzialmente distrutto dopo un bombardamento avvenuto questa notte. Secondo dati aggiornati, sono rimaste uccise 9 persone, mentre i feriti sono 37.

    Il comandante delle forze USA in Afghanistan ha porto le proprie scuse al presidente Ashraf Ghani Ahmadzai, dopo che a seguito di un raid aereo è stato colpito l'ospedale di Kunduz, segnala l'agenzia "Reuters" basandosi sulle dichiarazioni dell'amministrazione del presidente dell'Afghanistan.

    In precedenza era stato riferito che l'ospedale dell'organizzazione internazionale "Medici Senza Frontiere" situato a Kunduz, nel nord dell'Afghanistan, in cui si trovavano circa 200 persone, è rimasto parzialmente distrutto dopo un bombardamento avvenuto questa notte. Secondo dati aggiornati, sono rimaste uccise 9 persone, mentre i feriti sono 37.

    La NATO aveva fatto sapere di aver aperto un'indagine interna per il bombardamento dell'ospedale. Fin da subito l'Alleanza Atlantica non escludeva che questo tragico errore fosse avvenuto durante un raid dell'Aviazione USA.

    Tags:
    Incidente, raid, Bombardamenti, Medici Senza Frontiere, Aviazione, NATO, Ashraf Ghani Ahmadzai, USA, Afghanistan
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik