19:44 24 Novembre 2017
Roma+ 17°C
Mosca-4°C
    Marina Militare russa (foto d'archivio)

    Russia, le navi della Marina potrebbero appoggiare l'operazione contro ISIS in Siria

    © REUTERS/ Maxim Shemetov
    Mondo
    URL abbreviato
    11854361

    Le navi della Marina russa nel Mediterraneo, sono pronte ad usare i loro armamenti contro lo "Stato Islamico", ha detto all'agenzia di stampa “RIA Novosti” il comandante della Flotta russa di supporto Mikhail Nenashev.

    "L'operazione dell'Aviazione russa contro lo "Stato Islamico" in Siria non è possibile senza l'appoggio delle navi della Marina russa nel Mediterraneo. In caso di necessità può essere coinvolta e l'Aviazione navale", ritiene il capitano di primo grado della flotta di supporto della Marina russa Mikhail Nenashev.

    In un'intervista con "RIA Novosti", ha ricordato che nel Mar Mediterraneo è operativo un gruppo non permanente composto da 10 a 20 navi.

    "Sulla nave ammiraglia della Flotta del Mar Nero, l'incrociatore" Moskva", si trova il quartier generale per il coordinamento delle azioni dell'Aviazione con lo stato maggiore di Mosca", — ha detto Nenashev a "RIA Novosti".

    Secondo il militare, nella parte orientale del Mediterraneo ci sono 2 piccole navi missilistiche della Flotta del Mar Nero, come mai accaduto in passato, dal momento che non si erano allontanate così tanto. A bordo si trovano dei sistemi missilistici.

    Secondo il militare, nella parte orientale del Mediterraneo ci sono 2 piccole navi missilistiche della Flotta del Mar Nero, come mai accaduto in passato, dal momento che non si erano allontanate così tanto. A bordo si trovano dei sistemi missilistici.

    "Se necessario, i missili a bordo della nave saranno usati per colpire le basi terroristiche e fermare l'aggressione dell'internazionale islamica", — ha detto il capitano Mikhail Nenashev.

     

     

     

     

     

    Tags:
    Difesa, Sicurezza, raid della Russia in Siria, ISIS, Aviazione, Marina Militare, Mikhail Nenashev, Siria, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik