23:20 23 Novembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca-4°C
    Calca alla Mecca, Arabia Saudita

    Le autorità dell'Arabia Saudita accusano i pellegrini della tragedia alla Mecca

    © AP Photo/ Directorate of the Saudi Civil Defense agency
    Mondo
    URL abbreviato
    0 11602

    Il ministro della Salute dell'Arabia Saudita Khalid Al-Falih ritiene responsabile della ressa di giovedì alla Mecca durante l'Haji l'indisciplina dei pellegrini. Secondo il ministro, la tragedia non si sarebbe verificata se avessero "seguito le istruzioni," scrive il quotidiano libanese “The Daily Star”.

    Secondo le citazioni riportate sulla stampa saudita, il ministro ha detto che "molti pellegrini si muovevano senza rispettare le regole" introdotte dalle autorità, "motivo principale della strage".

    In precedenza i testimoni della tragedia avevano scritto nei social network che la calca si era creata probabilmente per la mancanza di coordinazione dei turni delle visite redatti in anticipo dalle autorità saudite per i pellegrini provenienti da diversi Paesi. Secondo loro, le autorità saudite avevano distribuito in anticipo a tutti i fedeli il programma delle visite, secondo cui ogni gruppo doveva avvicinarsi al luogo di culto uno per volta.

    In Arabia Saudita c'è stata una calca tra i fedeli che si trovavano a circa 15 chilometri dalla Mecca.

    Secondo gli ultimi dati, hanno perso la vita 717 persone, mentre sono rimaste ferite più di 800. La Protezione Civile saudita ha avvertito che il bilancio delle vittime potrebbe aggravarsi.

    Tags:
    Islam, Religione, Società, Ressa, Incidente, Arabia Saudita
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik