19:49 24 Novembre 2017
Roma+ 17°C
Mosca-4°C
    Scontri tra la polizia e migranti

    Scontri al confine croato tra polizia e migranti

    © REUTERS/ Marko Djurica
    Mondo
    URL abbreviato
    0 217 0 0

    In arrivo 20mila migranti per raggiungere il nord Europa attraverso la Slovenia, che sta rafforzando la sicurezza al confine.

    Prosegue costante il flusso di migranti attraverso i Balcani e l'Europa centrale, malgrado i tentativi di limitarlo, mentre l'Unione Europea è al collasso.

    Oltre 6mila persone sono finora riuscite a entrare in Croazia dalla Serbia, dopo che l'Ungheria martedì ha chiuso la propria frontiera. Un gran numero di persone si è quindi ammassato in una piccola stazione ferroviaria di Tovarnik, città croata al confine, dove alcuni treni speciali stanno effettuando collegamenti verso la capitale Zagabria.

    Il ministro degli Interni croato, Ranko Ostojic, stamani aveva dichiarato che la polizia aveva il controllo della situazione, che ora purtroppo è esplosa in scontri tra le forze dell'ordine e i migranti hanno sfondato i cordoni degli agenti alla stazione di Tovarnik.

    Migranti siriani in marcia verso confine serbo-ungherese
    © AP Photo/ Edvard Molnar
    Il ministro della Sanità, Sinisa Varga, ha dichiarato che la Croazia si aspetta l'arrivo di circa 20mila migranti nelle prossime due settimane. Zagabria ha indicato che consentirà ai rifugiati di viaggiare verso il nord Europa, ma le autorità in Slovenia — che confina con la Croazia a nord — hanno indicato che rafforzeranno la sicurezza al confine e che rispetteranno le norme che prevedono che chi richiede asilo si registri all'arrivo. Come l'Ungheria, la Slovenia è un punto d'ingresso per l'area Schengen, che normalmente consente alle persone di spostarsi senza limitazioni tra i Paesi membri dell'Ue.

    Ieri 7.266 migranti sono giunti in Germania, il doppio rispetto al giorno precedente. Oggi, intanto, il parlamento europeo ha appoggiato i piani per il ricollocamento obbligatorio di 120mila rifugiati in tutta l'Ue. Un'iniziativa che precede il vertice dei ministri degli Interni di martedì prossimo, in cui saranno discussi provvedimenti per affrontare la crisi, e che secondo i commentatori metterà pressione ai ministri per dare il loro via libera.

    Le parole scorrono negli appuntamenti ufficiali e non riescono ad accompagnare con dignità i passi dei migranti, a caccia di pace.

    Correlati:

    La Lombardia punisce gli alberghi che offrono ospitalità ai migranti
    Migranti, la Slovenia sospende Schengen
    Frontex, mezzo milione di migranti in Europa in otto mesi
    Migranti, la rotta verso il confine croato
    Tags:
    Migranti, Crisi dei migranti, Ranko Ostojic, Slovenia, Europa, Croazia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik