17:30 17 Agosto 2017
Roma+ 31°C
Mosca+ 25°C
    Il primo ministro francese Manuel Valls

    Francia: in Siria per legittima difesa

    © REUTERS/ Christian Hartmann
    Mondo
    URL abbreviato
    172159425

    Per la stampa americana aumenta la preoccupazione d’infiltrazioni terroristiche lungo la ‘rotta dei rifugiati’. Per Soufan group rischio di "esagerazioni e strumentalizzazioni mediatiche".

    Il primo ministro francese Manuel Valls, spiegando ieri all'Assemblea Nazionale la decisione di dare il via a raid aerei della Francia contro lo Stato islamico anche sul territorio della Siria, ha tuttavia escluso un qualsiasi intervento di terra: "Sarebbe illogico e irrealistico". Se tuttavia si formasse una coalizione di Paesi mediorientali che decidesse di inviare truppe di terra "per liberare la Siria", ha detto il premier, questa avrebbe "l'appoggio della Francia".

    Valls ha affermato che la decisione di estendere alla Siria i bombardamenti anti-Isis, annunciata lunedì 14 settembre dal presidente Francois Hollande, è giustificata dal diritto della Francia a "esercitare la legittima difesa".

    Il premier francese ha sostenuto che la campagna aerea alleata contro gli jihadisti non dovrebbe affatto rafforzare il regime del presidente della Siria Bashar al Assad: per la Siria anzi, secondo Valls, c'è "urgenza di trovare una soluzione politica che volti definitivamente la pagina dei crimini" del siriano Assad.

    Quanto alla presenza tra i ranghi jihadisti di cittadini europei, Valls ha reso noto che ormai sono 1.880 i cittadini francesi che sono andati a combattere in Siria e in Iraq sotto le bandiere del Califfato: 133 sono rimasti uccisi e 491 sono ancora sul terreno di battaglia.

    Intanto, secondo la stampa statunitense, l'esodo di cittadini iracheni e siriani verso l'Europa che ha raggiunto dimensioni senza precedenti, e le notizie riguardanti il furto di passaporti da parte dello Stato islamico e l'infiltrazione dei suoi combattenti tra i siriani fuggiti in Turchia fa crescere il timore che la marea umana riversatasi nel Vecchio continente abbia portato con sè anche terroristi ed estremisti.

    I governi lungo la ‘rotta dei rifugiati' — scrive il Washington Post — danno diverse valutazioni della minaccia, mentre l'Associated Press riferisce che due funzionari del governo iracheno e un attivista siriano sostengono che un piccolo gruppo di estremisti dello Stato islamico si sia recato in Europa approfittando proprio della copertura offerta ai richiedenti asilo.

    Eppure, Soufan Group, società che offre servizi d'intelligence strategici per i governi e le organizzazioni multinazionali, anche se ritiene "probabile" l'infiltrazione di elementi radicali tra i profughi in fuga dal Medio Oriente, giudica impossibile stabilire l'effettivo livello della minaccia e cita il rischio di "esagerazioni e strumentalizzazioni mediatiche".

    Correlati:

    Francia: Raid in Siria nelle prossime settimane
    Germania contraria a partecipazione militare anti Isis in Siria
    Tags:
    rifugiati, jihad, Terrorismo, Assemblea Nazionale, ISIS, Manuel Valls, Bashar al-Assad, Siria, Francia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik