14:53 21 Novembre 2017
Roma+ 15°C
Mosca+ 0°C
    I rifugiati siriani sono arrivati alla costa greca dopo passaggio attraverso mar Egeo dalla Turchia.

    Europa rischia di diventare il principale responsabile delle tragedie umanitarie

    © REUTERS/ Yannis Behrakis
    Mondo
    URL abbreviato
    130260

    Il primo ministro dell’Ungheria Viktor Orban ha esortato ad affrontare il problema dei profughi nel paese in cui è sorto, cioè in Grecia.

    Orban ha dichiarato che l'Europa deve mandare le sue forze ai confini della Grecia per arginare il flusso di migrazione, proveniente in prevalenza dalla Turchia. Secono il premier ungherese, molti migranti vengono in Europa non perché vogliono stare al sicuro, ma in cerca di una vita migliore. Migliore di quella che li aspetta nei campi dei pofughi in Turchia.

    Che cosa pensano i turchi di questa idea di ammassare i profughi siriani in territorio della Turchia? Ne ha parlato a Sputnik Türkiye il professor Kamer Kasim, vice presidente dell'Istituto di studi strategici di Ankara e preside della facoltà di economia e di scienze amministrative dell'Università Abant Izzet Baysal a Bolu.

    "È un approccio ingiusto. In Siria continua la guerra, la gente scappa, va in Europa per salvare la propria vita. Gli oneri che tocca sopportare alla Turchia sono enormi: nel paese ci sono più di 2 milioni di migranti siriani. Fino a questo momento la Turchia ha già speso più di 5 miliardi di dollari. Per il budget del paese è una cifra altissima.

    Durante tutto questo tempo l'Unione Europea non ha fatto praticamente niente, anche se avrebbe potuto fare parecchio, considerando le sue possibilità economiche. Adesso invece c'è il rischio di perdere il conrollo sulla situazione. I paesi come l'Ungheria sono in preda al panico. In queste condizioni l'UE deve adottare urgenti misure per una giusta distribuzione degli oneri tra i paesi membri.

    Alcuni paesi d'Europa hanno dichiarato la loro disponibilità ad accogliere i profughi, ma le cifre sono ridicole. C'è che è pronto ad ospitare 20 mila, altri disposti a prendere 30 mila, altri ancora 50 mila persone. Ma si tratta di milioni di profughi! La Turchia ha già ospitato più di 2 milioni di profughi, mentre Germania, Inghilterra e altri parlano di 20-30 mila…

    Mobilitando le forze nazionali o quelle europee, o rispedendo i migranti ai confini del proprio paese o al confine tra Grecia e Turchia, il problema dell'immigrazione illegale non si risolve. Anzi, questi tentativi potrebbero avere delle conseguenze tragiche, che già oggi vediamo nel mar Egeo. L'Europa rischia di diventare il principale responsabile delle tragedie umanitarie".    

    Correlati:

    Migranti, naufragio sulle coste turche: 22 morti
    Migranti, primi arresti in Ungheria
    Tags:
    Profughi siriani, Turchia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik