14:20 23 Novembre 2017
Roma+ 18°C
Mosca-3°C
    Syrian President Bashar al-Assad giving an interview. File photo

    Intervista del presidente della Siria ai media della Russia

    © AFP 2017/ SANA
    Mondo
    URL abbreviato
    52580482

    Lotta contro ISIS, prospettive del processo politico in Siria, problema dei profughi e probabilità delle dimissioni del presidente della Siria – questi sono i temi dell’intervista, rilasciata da Bashar Assad ai media della Russia, di cui vi proponiamo alcuni estratti.

    Nella sua intervista il presidente Assad ha dichiarato in particolare:

    1.  Dobbiamo continuare il dialogo in nome del consenso. Tuttavia, se vogliamo conseguire un successo reale, ciò è impossibile, finché la gente continua a morire, finché continua lo spargimento di sangue e le persone non possono sentirsi al sicuro… In tal modo, il consenso lo possiamo raggiungere, ma non possiamo fare niente, finché il terrorismo in Siria non sarà stato sconfitto.

    2. Il problema non è che l'Europa accoglie o non accoglie i profughi. Il problema è che dobbiamo eliminare le cause del fenomeno. Se gli europei sono preoccupati per la sorte dei profughi, allora devono rinunciare al sostegno dei terroristi. Tale è la nostra opinione in merito e l'essenza del problema.

    3. Voglio cogliere l'occasione di questo incontro di oggi per esortare tutte le forze a unirsi contro il terrorismo, perché ciò è la strada per conseguire gli obiettivi politici, formulati dai siriani, attraverso il dialogo e il processo politico.

    4. Se oggi chiediamo a qualsiasi siriano, che cosa vuole in questo momento, la prima risposta sarà: sicurezza e stabilità per tutti e per ciascuno. In tal modo noi come forze politiche, sia quelle del governo, sia quelle fuori dell'ambito del potere, abbiamo il dovere di consolidarci attorno alle richieste del popolo siriano.

    5. I curdi sono per noi parte della società siriana, non sono dei forestieri, vivono su questa terra come vivono gli arabi, i circassi, gli armeni e molti altri popoli e confessioni che convivono in Siria da tempi immemorabili. Non sappiamo neanche, quando alcuni di questi gruppi etnici abbiano fatto la loro comparsa nella regione. Senza questi elementi una società monolitica in Siria non può esistere.    

    Correlati:

    Washington minaccia isolamento, se Russia difende Assad
    Perché occorre trattare con Assad?
    Profughi e ISIS sgretolano linea USA in Siria, sempre più forte sostegno a Russia e Assad
    Tags:
    Bashar al-Assad, Intervista, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik