Widgets Magazine
03:17 17 Luglio 2019
I rifugiati siriani sono arrivati alla costa greca dopo passaggio attraverso mar Egeo dalla Turchia.

Naufragio nell'Egeo: morti anche 4 neonati

© REUTERS / Yannis Behrakis
Mondo
URL abbreviato
0 20

Sono in tutto 39, di cui 11 bambini, le vittime del naufragio avvenuto ieri a poche centinaia di metri dall'isola di Farmakonissi. Tratte in salvo quasi 100 persone.

È tragico il bilancio del naufragio che ieri ha visto protagonisti 130 migranti che a bordo di un barcone tentavano di raggiungere l'Europa. Al termine di una lunga traversata infatti, molti occupanti del malridotto natante hanno trovato la morte nel tentativo di abbandonarlo una volta in balia del vento e delle onde, a poche centinaia di metri dalle coste dell'isola greca di Farmakonissi.

A perdere la vita sono stati in 34, con la triste notizia della presenza tra le vittime di 11 bambini, di cui 4 neonati. Molte tra le vittime sono state trovate dalla Guardia Costiera greca, giunta sul posto per prestare soccorso, nella stiva dell'imbarcazione, morte a causa dell'asfissia causata dal rovesciamento della barca.

I soccorritori hanno fatto sapere di aver tratto in salvo 68 persone, mentre almeno un'altra trentina è riuscita a raggiungere a nuoto le rive dell'isola. L'impossibilità da parte delle autorità greche di conoscere l'esatto numero degli occupanti che hanno affrontato la traversata fa temere che il bilancio delle vittime possa non essere definitivo.

Nella stessa zona di mare, che separa la località turistica turca di Bodrum con l'arcipelago greco del Dodecaneso, negli ultimi giorni altri due gommoni erano colati a picco a causa delle condizioni meteorologiche proibitive, che tuttavia non stanno in alcun modo scoraggiando i migranti ad intraprendere la traversata. Anche in quella occasione molti dei naufraghi sono stati tratti in salvo, nonostante almeno 5 persone, tra cui 2 bambini, risultino tuttora disperse. 

Correlati:

Naufragio sulle coste libiche: si temono centinaia di vittime
Tags:
rifugiati, Migranti, profughi, Immigrazione, naufragio, Guardia Costiera, Europa, Grecia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik