02:08 22 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 11
Seguici su

Undici milioni di euro per gestire la crisi migratoria in Grecia. Per il ministro dell’economia della penisola ellenica, Nikos Christodoulakis, sono necessari 700 milioni di euro.

Secondo il quotidiano ellenico Kathimerini, la Commissione europea sarebbe sul punto di approvare lo stanziamento di 11 milioni di euro alla Grecia per aiutare il Paese a gestire la crisi migratoria.

Gli aiuti sbloccati dalla Commissione europea andranno alla polizia greca, che dovrebbe ottenere 2,5 milioni di euro, e alla guardia costiera, che riceverà 4 milioni di euro. Altri 4,5 milioni di euro saranno destinati al potenziamento delle strutture di accoglienza.

Nel frattempo, la polizia greca e l'Organizzazione internazionale per le migrazioni stanno cercando di ottenere ulteriori finanziamenti al fine di riattivare il piano per il ritorno volontario degli immigrati nei loro Paesi. Stamani la stampa locale greca aveva dato la notizia che migliaia di persone, tra cui famiglie con bambini, in queste ore stanno attraversando il confine settentrionale della Grecia con la Macedonia. Nei giorni scorsi le autorità greche erano riuscite a registrare circa 17mila persone nella sola isola di Lesbo, permettendo così loro di continuare l'estenuante viaggio verso il nord dell'Europa.

Il 6 settembre, l'agenzia per i rifugiati dell'Onu aveva chiesto un'evacuazione di emergenza delle migliaia di rifugiati bloccati sull'isola in attesa dei permessi di viaggio

Secondo il ministro dell'Economia greco, Nikos Christodoulakis, la somma di cui il suo Paese necessita per gestire l'emergenza è di 400 milioni di euro di fondi per l'asilo e 300 milioni di fondi per la lotta alla povertà.

Correlati:

L'Ungheria accusa la Grecia della crisi migratoria
Magnate egiziano propone a Grecia o Italia di vendergli un'isola per i profughi
Grecia, Pavlopoulos ha deciso: si vota il 20 settembre
Tags:
Unione Europea, Crisi dei migranti, Commissione Europea, Nikos Christodoulakis, Grecia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook