02:27 20 Settembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca+ 10°C
    Lager di Auschwitz (foto d'archivio)

    Profughi ad Auschwitz: magistratura polacca avvia controlli per appello shock su internet

    © AP Photo/ Matthias Schrader
    Mondo
    URL abbreviato
    146962

    I pubblici ministeri di Varsavia hanno avviato dei controlli sulla comparsa in internet di appelli per inviare i profughi provenienti dalla Siria nell'ex campo di concentramento nazista di "Auschwitz-Birkenau", ha dichiarato alla stampa il portavoce della Procura di Varsavia Przemyslaw Nowak.

    Secondo Nowak, "dalla Procura distrettuale di Śródmieście di Varsavia è stata avviata una verifica per il reato di istigazione all'odio motivato da differenze nazionali, razziali e religiose verso i profughi provenienti dalla Siria, per il commento in uno dei social network sul profilo dell'emittente TVN24 dal titolo "Conservare la caserma di Auschwitz".

    I commenti razzisti contenevano non solo l'appello a collocare i profughi siriani nella caserma dell'ex campo di sterminio nazista, ma anche ad ucciderli.

    In base alla legislazione vigente in Polonia, chi rilascia dichiarazioni tali rischia fino a 2 anni di carcere, ha detto Novak.

    In precedenza il primo ministro polacco Ewa Kopacz aveva detto che Varsavia era pronta ad accettare 2.200 profughi nell'ambito del piano UE concordato in precedenza per la distribuzione dei rifugiati.

    Tags:
    Società, Giustizia, Razzismo, Nazismo, Olocausto, profughi, migranti, Scandalo, Siria, Polonia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik