02:22 26 Settembre 2017
Roma+ 16°C
Mosca+ 11°C
    Il Presidente della Comissione Europea Jean-Claude Juncker

    Juncker: Manca unione in questa UE

    © AFP 2017/ Odd Andersen
    Mondo
    URL abbreviato
    0 8012

    L'atto di accusa del presidente della Commissione Europea nel suo primo discorso sullo stato dell'Unione: piano di emergenza per 160mila, poi azioni concertate e quote permanenti.

    Approvato formalmente dal collegio dei commissari UE il pacchetto Juncker per affrontare l'emergenza migranti e ricollocare per quote 160mila rifugiati. Ed è stato proprio il presidente della Commissione europea a descriverne le linee essenziali nel corso del suo intervento presso il Parlamento europeo riunito in sessione plenaria questa mattina a Strasburgo.

    "La nostra Ue non versa in buone condizioni, manca l'Unione in questa Ue e manca l'Europa. Vogliamo cambiare le cose e farlo con uno sforzo congiunto".

    Così Juncker ha aperto oggi il suo primo discorso sullo stato dell'Unione, invitando i Paesi membri a mettere da parte "gli affari correnti" e a superare le divergenze esistenti per affrontare la crisi migratoria epocale di questi mesi.

    Migranti aspettano un treno per la Serbia
    © AP Photo/ Boris Grdanoski
    I numeri, definiti da Juncker spaventosi, parlano di oltre 400mila profughi arrivati solo in Grecia ed Italia e che, a differenza di quanto è accaduto in Ungheria, "non devono essere lasciati soli". 

    Poi un ammonimento implicito alle decisioni assunte proprio in Ungheria, con l'invito fermo ad abbandonare la strada della demagogia.

    "Finchè ci sarà la guerra — ha detto Juncker — nessun muro, nessuna barriera fermerà questa massa di rifugiati. Mettiamoci nei loro panni — ha esortato — quanto pagheremmo per rifarci una vita?"

    Lo sforzo di solidarietà e l'azione concertata al centro di quello che è sembrato un vero e proprio appello, sono tra le ragioni fondanti della stessa Unione, si dice convinto Juncker, che ha ricordato come nonostante le distanti posizioni di alcuni Paesi membri sulla questione,

    "l'Europa è il continente più ricco e stabile di tutto il mondo. Abbiamo i mezzi e gli strumenti — ha concluso — per aiutare chi fugge da guerra e oppressione". 

    Correlati:

    Crisi migranti, da parte dell’UE nessun piano vero
    Migranti, Papa Francesco: Ogni parrocchia accolga una famiglia
    Crisi dei migranti: le quote potrebbero funzionare solo sulla carta
    Tags:
    rifugiati, migranti, profughi, Immigrazione, Parlamento Europeo, Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, UE, Europa, Ungheria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik