16:34 24 Febbraio 2020
Mondo
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

Tre morti e 750 intossicati il bilancio di una straordinaria tempesta di sabbia che ha colpito il medio Oriente, bloccando per 24 ore i raid aerei della coalizione anti Isis.

Due donne sono morte in Libano, nella Valle della Bekaa, e ben 750 persone hanno risentito di sintomi legati al soffocamento e di problemi di respirazione a causa di un'importante tempesta di sabbia che ha interessato gran parte del Medio Oriente.

Un'altra donna, profuga siriana, è deceduta a causa di una crisi di asma nella località di al Muansa. La tempesta infatti si è avvertita soprattutto nelle decine di campi di fortuna che ospitano 1,1 milioni di rifugiati siriani in tutto il Libano.

La tempesta di sabbia ha addirittura bloccato i raid aerei della coalizione internazionale a guida Usa contro l'Isis.

Gravi i disagi provocati anche in Giordania e in Israele dalla massa di polvere, i cui effetti sono acuiti dai concomitanti tassi di umidità compresi tra il 65 e l'85%.

A Cipro, i voli di linea sono stati dirottati sullo scalo occidentale di Paphos da quello principale di Larnaca, all'estremita' opposta dell'isola, dove la visibilità si è ridotta ad appena 500 metri. Le previsioni del tempo indicano i primi miglioramenti soltanto a partire da domani sera, e il persistere della coltre di detriti come minimo fino a giovedì.

L'eccezionalità della tempesta ha colto di sorpresa gli stessi esperti di meteorologia, non soltanto per la sua potenza e l'estensione dell'area interessata, ma soprattutto per il periodo in cui si è scatenata. Di solito si registrano due o tre tempeste di sabbia l'anno, ma concentrate in piena estate o addirittura in primavera, nei mesi di marzo e aprile.

Correlati:

007 di Ankara impegnati in operazione per liberare soldato turco prigioniero di ISIS
Jihadisti ceceni di ISIS lasciano la Siria per unirsi ai paramilitari di Kiev nel Donbass
Tags:
calamità naturale, Vittime, ISIS, Libano
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook