10:24 11 Dicembre 2017
Roma+ 15°C
Mosca+ 2°C
    Former President of Afghanistan (2004-2014) Hamid Karzai

    Kharzai a Sputnik, gli USA ascoltino Russia e Cina per sconfiggere il terrorismo

    © Sputnik. Alexei Druzhinin
    Mondo
    URL abbreviato
    0 41

    Se gli Usa e la NATO vogliono sconfiggere seriamente il terrorismo devono farlo insieme alla Russia ed alla Cina. E' questa la posizione di Hamid Kharzai, ex presidente dell'Afghanistan che ha rilasciato un'intervista esclusiva a Sputnik.

    Secondo lei chi vuole l'instabilità in Afghanistan?

    Sappiamo con certezza che l'establishent militare in Pakistan è andato avanti anni a cercare di destabilizzare l'Afghanistan. Speravamo che questo potesse cambiare con l'arrivo dell'America e dell'Occidente, perché il Pakistan era un loro alleato ed insieme essi avrebbero collaborato per una maggiore stabilità in Afghanistan, ma purtroppo questo non è successo. Noi sappiamo che la pace in Afghanistan ci sarà soltanto quando gli USA e il Pakistan lo vorranno e quando entrambi inizieranno a vedere che ora c'è spazio per la pace in Afghanistan,  l'Afghanistan avrà pace. Adesso invece vediamo quello che sta facendo il Pakistan e ciò che vogliamo è una chiara presa di posizione da parte degli USA. Se il Pakistan è un loro alleato, allora deve aiutarli, non creare un ambiente in cui gli afghani soffrono ed ogni giorno cresce il radicalismo. Qual è l'intenzione degli USA? Combattere il terrorismo, o cos'altro? Se è combattere il terrorismo e il Pakistan non li aiuta, allora gli Stati Uniti devono prendere una decisione appropriate, insieme a Russia, Cina e altri paesi.

    C'è un altro fronte negative per l'Afghanistan: sul Vostro paese c'è molta disinformazione, come lo spiega?

    Purtroppo tutto questo viene fatto per lo più dai media occidentali, come ho avuto modo di vedere negli ultimi 13 anni. Perché lo fanno? Spero non sia figlio della loro intenzione. Se fosse così sarebbe il segnale di una politica negativa anche per tutti noi. Perciò speriamo che sia frutto dell'ignoranza e non di una cattiva intenzione.

    L'ISIS in Afghanistan è un ISIS straniero, o afghano? Qual è il suo giudizio sul comportamento dell'ISIS nei paesi arabi, in Siria ed Iraq?

    La crescita dell'ISIS in Siria e Iraq è dovuta a fattori interni ed esterni. Di sicuro c'è un ambiente interno che ne favorisce la crescita, ma quest'ultima non potrebbe avvenire senza l'aiuto di una mano esterna. Non possono fare tutto questo senza supporto esterno, è impossibile. Nessuno può essere così attivo, agile, militarmente mobile, senza il supporto straniero. Perciò c'è una mano ed un interesse straniero nel promuoverli. In Afghanistan non c'è nessun ambiente interno per loro, sono completamente stranieri, alieni al nostro paese.Perciò se mai ci fosse una situazione in cui loro fossero più numerosi, più armati e più forti, questo significherebbe che c'è qualcuno dietro di loro che li aiuta a muoversi.

    Il presidente russo Vladimir Putin e l'ex-presidente afghano Hamid Karzai
    © Sputnik. Michael Klimentyev
    Il presidente russo Vladimir Putin e l'ex-presidente afghano Hamid Karzai

    Di recente è stato in visita in Russia, dov'è stato accolto calorosamente. Come giudica la sua visita e l'incontro con Vladimir Putin?

    Quella in Russia è stata una visita straordinaria, qualcosa che volevo fare tantissimo. L' accoglienza e l'ospitalità ricevuta dal governo e dalle persone ha rispecchiato la profonda tradizione del popolo russo. Il Presidente Putin ed io abbiamo avuto una conversazione franca ed approfondita in cui a quattro occhi abbiamo discusso molte questioni ed espresso un punto di vista comune su molti temi, specialmente sulla radicalizzazione del terrorismo e su chi ci sia dietro. Ringrazio il Presidente della Federazione Russa ed il Consiglio degli affari esteri per averla organizzata.

    E' favorevole alla proposta di Putin di un'alleanza contro il terrorismo?

    Si, lo sostengo tantissimo in questo. Se l'occidente e gli USA sono onesti nella loro lotta al terrorismo, allora devono tendere la mano a Russia e Cina ed ascoltare Putin.

    Ha parlato appassionatamente della Russia e definito Putin un amico. Come vede il futuro delle relazioni tra i due paesi?

    Abbiamo di fronte una grande opportunità e dobbiamo unire gli sforzi per coglierla e gettare nuove basi di stabilità e futuro migliore a tutta la regione. La Russia è un paese di qualità e possiede l'abilità per farlo. L'Afghanistan da parte sua sarà suo partner e camminerà a fianco per dargli una ferma mano amica. Vogliamo che la Russia si riaffermi e prenda una posizione più forte e torni ad essere presente in questa regione come lo era nel passato.

    Tags:
    Terrorismo, Politica Internazionale, Afghanistan, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik