23:46 11 Dicembre 2017
Roma+ 16°C
Mosca+ 0°C
    Bandiera di Svezia

    In Svezia accusato di razzismo un sito che vende costumi in maschera

    CC BY 2.0 / Tony Webster / Swedish Flag
    Mondo
    URL abbreviato
    101

    Fino a poco tempo fra gli articoli in vendita sul sito svedese Partykungen (Re delle feste) c’era un costume proposto col nome di “Donna africana”. Nella foto si vedeva una ragazza bianca con il viso pitturato di nero.

    "Questa fotografia della ragazza con il viso pitturato ci è stata mandata da un nostro fornitore. Non avremmo dovuto pubblicarla, perché il nome della merce, e anche la fotografia stessa, non sono assolutamente appropriati", — dice Joel Svensson, buyer e coproprietario della società.

    Parecchi utenti hanno già reagito alla foto, scrivendo i loro commenti su Facebook. Eccone due:

    "Fa schifo sotto tutti i profili".

    "Che cosa è, Signore? A chi lo posso denunciare?"

    Dopo le critiche al volto pitturato e all'articolo in vendita, il costume è stato prima riproposto col nome di "Vestito africano" e poi ritirato dalla vendita.

    "Rivedremo la nostra offerta nel modo da non avere più modelle con volto pitturato. Quanto al costume in questione, dobbiamo decidere se possiamo continuare ad offrirlo, ma in questo caso dovremo modificare la descrizione. Insomma, dobbiamo pensare al futuro e intanto porgere le nostre scuse", — ha concluso Joel Svensson.

    http://www.partykungen.se/afrikansk-klanning-maskeraddrakt.html

    La vecchia descrizione diceva: "Ottimo costume in maschera che in un attimo ti porterà in Africa. Perfetto per feste tematiche dedicate alla geografia o all'Africa in qualità di tema principale". Adesso questo testo è stato cancellato.

    Sul sito svedese si possono comprare parecchi altri costumi, tra cui "Principessa indiana", "Ragazza messicana", "Regina d'India", "Geisha" o "Arabo che cavalca il cammello"    

    Tags:
    Razzismo, Svezia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik