08:23 20 Settembre 2018
Confine tra Siria e Turchia

007 di Ankara impegnati in operazione per liberare soldato turco prigioniero di ISIS

© REUTERS / Osman Orsal
Mondo
URL abbreviato
0 41

Sputnik è riuscita a parlare con Aydin Tash, padre del militare turco catturato dai militanti di ISIS. Una fonte nell'intelligence turca ha raccontato a Sputnik i negoziati con ISIS.

Come diventato noto a Sputnik, per il salvataggio del soldato turco Serter Tash, che è stato catturato dai militanti di ISIS dopo uno scontro a fuoco nei pressi del valico di frontiera di Kilis, è stato attivato il servizio nazionale di intelligence dello Stato turco (MIT, servizi segreti).

Secondo la fonte, attualmente una squadra di 007 turchi sta negoziando con i rappresentanti di ISIS. Secondo le informazioni disponibili, l'ostaggio è vivo e molto presto i militanti dello Stato Islamico riveleranno le condizioni per la liberazione del soldato:

"gli agenti dei servizi segreti turchi sono venuti in contatto con un rappresentante di ISIS tramite l'application di WhatsApp, dal momento che a Rakka manca la linea telefonica. E' noto che il rappresentante dei jihadisti, con cui si svolgono le trattative si è unito ad ISIS dalla Turchia. Gli agenti segreti turchi gli hanno chiesto delle condizioni di salute del soldato prigioniero. Secondo ISIS, Serter Tash è vivo, la ferita alla gamba è stata curata e il militare si sta riprendendo. Il negoziatore di ISIS ha anche detto che il prigioniero si trova in un luogo sicuro nel carcere di Raqqa. Rispondendo alla richiesta dell'intelligence turca di condurre negoziati per la liberazione del prigionierio, il rappresentante di ISIS ha detto che molto presto alla parte turca verranno notificate le condizioni per la liberazione di Serter Tash."

Contemporaneamente in un'intervista a "Sputnik" Aydin Tash, padre del soldato finito prigioniero, ha riferito che la sua famiglia fino all'ultimo non era al corrente della cattura di suo figlio:

"abbiamo appreso la sua sorte tramite il vostro portale di notizie sul web."

Questo ha detto a Sputnik il padre del soldato rapito:

"Mio figlio è nell'esercito da 5 anni, ha 21 anni ed è celibe. Serter è il mio primogenito, è il primo che è entrato nelle forze armate. Ho 6 figli. Siamo tutti molto spaventati e preoccupati per il nostro ragazzo. Ho parlato con lui 4 giorni prima della cattura. Aveva detto che il 10 settembre sarebbe tornato a casa per trascorrere il fine settimana. Il giorno dopo il rapimento sono venuti a casa nostra il governatore di Igdir (la provincia in cui risiede la famiglia Tash), il terzo rappresentante del nostro distretto e il comandante del reggimento: ci hanno detto che mio figlio è stato rapito, ma non ha detto esattamente da chi. Solo grazie a voi abbiamo appreso che era stato rapito dai miliziani di ISIS. Ogni minuto preghiamo affinchè nostro figlio venga liberato il più presto possibile. Siamo molto spaventati. Salvate mio figlio!".

Tags:
Prigionieri, sequestro, Esercito, ISIS, Servizi Segreti, Siria, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik