Widgets Magazine
18:31 23 Ottobre 2019
Profughi siriani a Budapest verso Germania e Austria

Nuovo gruppo di profughi arrivato a Budapest

© AP Photo / Marko Drobnjakovic
Mondo
URL abbreviato
0 16
Seguici su

I migranti provenienti dal Medio Oriente sono arrivati alla stazione Keleti nel centro di Budapest, dal momento che, secondo le dichiarazioni dalle autorità di Austria e Germania in merito alla disponibilità di accogliere i rifugiati, possono partire per questi Paesi.

Un altro gruppo di rifugiati di circa 20 persone è arrivato alla stazione ferroviaria Keleti, nel centro della capitale ungherese, diventato nel corso dell'ultima settimana punto di sosta per i rifugiati provenienti dal Medio Oriente, segnala il corrispondente di "RIA Novosti".

Domenica mattina sulla piazza di fronte alla stazione ferroviaria Keleti è arrivato un autobus con a bordo un gruppo di circa 20 persone. Hanno raccontato a "RIA Novosti" di provenire dal sud dell'Ungheria, dove nei pressi del confine con la Serbia vivevano in una tendopoli. Parte del viaggio dal sud l'hanno percorsa a piedi o in treno, dopodichè sono riusciti ad affittare un autobus pagandolo di tasca propria.

"Siamo venuti perché abbiamo sentito che la Germania è pronta ad accogliere i rifugiati. Dobbiamo raggiungerla," — ha detto uno di loro.

Davanti la stazione Keleti al momento sono rimasti poche centinaia di profughi, la maggior parte dei quali ieri è riuscita ad entrare in Austria.

Il governo ungherese ha iniziato a trasportare i profughi con gli autobus al confine austriaco, che hanno attraversato a piedi, dopodichè si sono diretti alla stazione ferroviaria Nickelsdorf, riporta il sito web del quotidiano austriaco "Der Standart". Venerdì scorso il cancelliere austriaco Werner Faymann aveva dichiarato che Vienna e la Germania avevano deciso di accogliere nel territorio dei loro Paesi migliaia di profughi dal Medio Oriente.

Tags:
Società, Migranti, profughi, Budapest, Europa, Austria, Germania, Medio Oriente, Siria, Ungheria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik