21:32 17 Luglio 2018
Presidente USA Barack Obama

Siria, profughi: USA pronti a dare un consiglio

© REUTERS / Kevin Lamarque
Mondo
URL abbreviato
123

Dopo lo shock della morte di un bambino siriano su una spiaggia turca alcuni gruppi di operatori umanitari negli Stati Uniti e 14 democratici del Senato hanno chiesto al governo di accogliere almeno la metà del numero di rifugiati siriani proposto dall’ONU entro la fine del 2016.

Shannon Scribner, direttore del Dipartimento per gli Aiuti umanitari di Oxfam America, ha dichiarato che sarebbe meglio, se i governi del mondo riuscissero a trovare una soluzione politica alla crisi siriana, ma siccome non è aspettabile nel prossimo futuro, l'organizzazione spinge gli USA ad accogliere ancora 70mila rifugiati siriani.

Anna Greene, direttore di politica per i programmi degli Stati Uniti dell'International Rescue Committee, ha sottolineato che 1.500 persone accolte finora gli Stati Uniti "non si sono nemmeno avvicinati al numero necessario che potrebbe davvero fare la differenza". Ha aggiunto che la situazione con la crisi dei rifugiati non sia comunicata chiaramente agli USA, il che rende difficile ottenere un migliore sostegno. "Abbiamo la capacità di farlo e sappiamo come farlo negli Stati Uniti. C'è solo una questione di ottenere il sostegno pubblico, si deve mettere in chiaro che è inaccettabile che le donne e bambini muoiano e che possiamo aiutare accogliendo i più vulnerabili".

Barack Obama ha detto abbastanza poco della crisi dei rifugiati rispetto alla guerra condotta dagli Stati Uniti contro l'ISIS, una campagna a cui ha dedicato un appello nazionale l'anno scorso.

Secondo il portavoce della Casa Bianca Josh Earnest, "Sicuramente l'Europa è capace di affrontare il problema e gli Stati Uniti sosterranno i nostri partner europei".

Il portavoce ha rigettato le accuse che gli USA hanno chiuso gli occhi sul problema di migranti e che una politica estera più pensata avrebbe potuto prevenire la crisi dal peggioramento.

"Il presidente ha preso delle decisioni politiche molto difficili, ma il suo obiettivo primario è negli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Ma non si può negare che anche il problema di migranti sia negli interessi dello Stato perciò è stato offerto un notevole aiuto umanitario".

Alcuni repubblicani con il rappresentante Mike McCaul a capo hanno avvertito il popolo che tanti rifugiati portano con sé dei "gravi problemi di sicurezza nazionale" e "non possiamo lasciare ai jihadisti la possibilità di approfittare del flusso di migranti".

Correlati:

Finlandia spera in un riavvicinamento tra USA e Russia per risolvere la crisi in Siria
Siria, Lavrov: Serve piattaforma dialogo opposizioni e governo
Siria, ultimo baluardo contro l'avanzata di ISIS verso l'Europa
Tags:
rifugiati, profughi, migranti, Josh Earnest, Barack Obama, Europa, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik