Widgets Magazine
00:43 22 Ottobre 2019
Sergej Lavrov

Lavrov: Costituzione dell’Ucraina deve regolamentare in dettaglio lo status del Donbass

© Sputnik . Eduard Pesov
Mondo
URL abbreviato
0 51
Seguici su

Il ministro degli Esteri della Federazione Russa Sergej Lavrov ha osservato che la maggioranza dei provvedimenti previsti dal disegno di legge sulla riforma della Costituzione dell’Ucraina, votato dalla Rada, tra alcuni anni cesseranno il loro effetti.

Parlando di fronte agli studenti dell'Università delle relazioni internazionali di Mosca (MGIMO), Lavrov ha dichiarato che Kiev è tenuto a prevedere nel progetto della riforma costituzionale dei punti che regolamentino in dettaglio lo status speciale del Donbass.

Lunedì, su proposta del presidente Poroshenko, il parlamento dell'Ucraina ha approvato in prima lettura gli emendamenti che prevedono un decentramento del potere. Questa riforma è prevista dagli accordi di Minsk, tuttavia i rappresentanti del Donbass credono che la riforma nella sua forma attuale non abbia nulla a che vedere con gli accordi sottoscritti dalle parti.

Lavrov ha fatto ricordare che il disegno di legge, approvato in prima lettura, stabilisce che le modalità speciali dell'autogoverno locale saranno regolamentate da un'apposita legge. Si vuole inserire questa norma anche negli articoli provvisori della Costituzione.

"Gli altri punti di questi provvedimenti transitori tra alcuni anni devono semplicemente cessare il loro effetto. Evidentemente la stessa sorte è riservata anche al riferimento, non del tutto trasparente e poco comprensibile, a quello che viene promesso ai territori in questione. Al posto delle promesse, così evasive e vaghe, il governo di Kiev deve includere nel documento degli articoli dettagliati sull'autogoverno e sullo status speciale di questi distretti del Donbass", — ha dichiarato Sergej Lavrov.    

Correlati:

Il Parlamento ucraino approva in prima lettura la bozza per la riforma costituzionale
Tags:
Riforma costituzionale in Ucraina, Sergej Lavrov, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik