03:58 18 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
0 17
Seguici su

Campagna elettorale anti immigrati per il miliardario Trump. Il cronista della tv americana in lingua spagnola Univision, Jorge Ramos, gli stava rivolgendo domande sull'immigrazione, prima di essere cacciato dalla sala.

Nuovo episodio d'arroganza nella serata di ieri per Donald Trump, che alza sempre più i toni della sua campagna elettorale.

Il miliardario Trump ha fatto letteralmente allontanare da una conferenza stampa in Iowa il giornalista Jorge Ramos, reporter delle rete americana Univision in lingua spagnola, dopo una domanda sulla politica migratoria. Nelle immagini, diffuse dalla Cnn si vede Ramos che rivolge una serie di domane a Trump. Quest'ultimo prima, rivolto a Ramos, gli dice "tornatene alla Univision" e poi indica a una delle sue guardie del corpo d'intervenire. Quest'ultima passa dietro la schiena di Trump, si avvicina al reporter e, rispondendo all'ordine, prende per un braccio Ramos e lo trascina fuori dalla sala.

Nel pomeriggio Trump era tornato pesantemente ad attaccare la giornalista della rete conservatrice Fox News, Megyn Kelly, definendola "un'oca", via Twitter. La stessa Kelly che ha coperto di insulti quando ha mediato il primo dibattito tra 10 dei 17 aspiranti candidati alla nomination repubblicana alla Casa Bianca.

Donald Trump, miliardario statunitense
© flickr.com / Gage Skidmore
L'immobiliarista miliardario, che corre per la nomination repubblicana alla Casa Bianca (ma che ha minacciato il Gop di essere pronto anche correre da indipendente) ha fatto della sua politica anti immigrati, in particolare messicani (definiti criminali) e latinos, il cuore della sua campagna elettorale, finora rivelatasi vincente. Tutti i sondaggi lo danno nettamente in testa tra i repubblicani.

Correlati:

Donald Trump: “accordo nucleare con Iran spiana strada a bomba atomica e minaccia Israele”
Donald Trump sulla svalutazione dello yuan: la Cina sta distruggendo gli USA
Tags:
Scandalo, Donald Trump, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook