00:14 14 Dicembre 2018
Shinzo Abe, premier del Giappone

Primo ministro del Giappone non andrà a Pechino

© AP Photo / Shizuo Kambayashi
Mondo
URL abbreviato
0 16

Shinzo Abe non sarà presente alle celebrazioni a Pechino dedicate alla fine della Seconda guerra mondiale, ha annunciato oggi a Tokyo il segretario generale del governo nipponico Yoshihide Suga.

Il premier giapponese non sarà presente né alla parata militare a Pechino, né ad altri eventi previsti nei giorni del 2-4 settembre.

Il segretario generale del governo di Tokyo ha spiegato che il premier non andrà a Pechino, perché il programma di lavoro non glielo consente. Tuttavia oggi l'agenzia Kyodo Tsushin ha comunicato che è stato lo stesso governo giapponese a insistere sulla visita di Abe il 2 o il 4 settembre. La stessa fonte informa che la parte cinese aveva proposto al premier giapponese di venire la sera del 3 settembre, quando la parata militare in piazza Tienanmen sarebbe già finita, tuttavia le parti non sono riuscite a raggiungere l'accordo.

Il direttore del Centro di studi giapponesi dell'Istituto dell'Esremo Oriente dell'Accademia delle scienze della Russia, Valery Kirsanov, ha detto all'agenzia Sputnik:

"Abe già da tempo sta cercando di incontrare Xi Jinping per ridurre la tensione nei rapporti con la Cina. Da alcuni ultimi anni questa tensione è altissima. Per Abe era molto importante venire a Pechino, perché ci sarà il presidente russo Vladimir Putin. La visita di Putin in Giappone è in forse, perché i giapponesi credono che la Russia abbia irrigidito la sua posizione sul problema delle isole Curili. Si sa che a Pechino verrà anche il presidente della Corea del Sud Park Geun-hye, con la quale, a differenza di Xi Jinping, il premier giapponese non riesce a combinare neanche un incontro breve".

Nel governo di Tokyo ci sono delle forze che vorrebbero normalizzare i rapporti con la Cina, ma ci sono anche dei fautori della linea dura, che Tokyo sta portando avanti in conformità alle richieste di Washington. Probabilmente sono state le pressioni da parte di Washington a indurre Abe a rinunciare alla visita in Cina.

Gli USA hanno deciso in pratica di boicottare le celebrazioni dedicate alla 70ma ricorrenza della vittoria del popolo cinese nella guerra antigiapponese, ha detto a Sputnik il vice direttore del Centro di studi internazionali e strategici dell'Università di Pechino Zhu Feng:

"Esistono delle serie divergenze su temi della sicurezza regionali tra Cina, da una parte, e USA e Giappone, che mantengono un rapporto di alleanza, dall'altra. Stati Uniti e paesi occidentali hanno scelto la tattica di boicottaggio sia delle nostre celebrazioni, sia della Festa del 9 maggio a Mosca. Evidentemente tra di noi non c'è la comprensione comune dell'importanza che hanno per noi le celebrazioni dedicate ai 70 anni della vittoria sul nazifascismo".    

Correlati:

II Guerra Mondiale, Usa invitati a parata del 3 settembre a Pechino
Tags:
Visita a Pechino, Shinzo Abe, Giappone
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik