06:47 13 Dicembre 2018
Macedonia migranti

La Macedonia apre le frontiere. L'esodo della rotta balcanica

© REUTERS / OGNEN TEOFILOVSKI
Mondo
URL abbreviato
1 0 0

Dopo scene di disperazione e scontri, le autorità di Skopje avevano annunciato l'autorizzazione di ingressi contingentati di immigrati ma gli sbarramenti al confine sono crollati sotto la spinta della massa umana dei profughi. 8mila persone già accolte in Serbia.

Centinaia di migranti hanno attraversato ieri senza problemi il confine fra Grecia e Macedonia a Gevgelija. La frontiera è stata di fatto riaperta dopo che sabato sera centinaia di persone sono riuscite a superare le barriere erette al confine, travolgendo la polizia che ha cercato di impedire il loro passaggio con la forza. I migranti, in maggior parte profughi siriani sbarcati in Grecia dalla Turchia, ma anche pachistani e afghani, intendono proseguire verso la Serbia per poi ottenere asilo nei paesi del nord Europa. Fra loro anche donne e bambini.

Il ministro della Difesa macedone, Zoran Jolevski, ha confermato che il Paese si sta "organizzando affinchè l'accoglienza vada avanti", confidando in "una strategia europea perchè si tratta di una sfida dell'intero continente".

Prosegue così incessante l'afflusso in Serbia degli immigrati che battono la cosiddetta rotta balcanica. Secondo la tv pubblica Rts, la notte scorsa a Belgrado sono giunti 70 autobus carichi di persone, mentre le ferrovie statali macedoni hanno organizzato alcuni treni per trasportare centinaia di migranti dalla città di Gevgelija. Nella città serba di Presevo è stato allestito un campo profughi dove hanno già trovato posto almeno 5mila persone. Gli immigrati ottengono un permesso di 72 ore per lasciare la Serbia e raggiungere l'Ungheria, dove tuttavia devono superare la barriera metallica che il governo di Bupapest ha deciso di erigere lungo i 175 km di confine con la Serbia. In totale nel fine settimana 7mila migranti hanno raggiunto la Serbia.

Intanto, prosegue l'arrivo dei migranti in Grecia. Un uomo è morto e altre sei persone risultano disperse a largo dell'isola di Lesbos, dopo che si è capovolta una imbarcazione carica di profughi. Altre otto persone sono state tratte in salvo. Secondo il quotidiano ellenico Ekathimerini, è atteso al Pireo il traghetto Eleftherios Venizelos con a bordo 2500 profughi siriani che erano sbarcati su diverse isole greche. Ieri lo stesso traghetto aveva condotto nel porto a sud di Atene 2.466 rifugiati arrivati a Kos, Kalymnos, Leros e Samos.

Correlati:

I migranti sono il prezzo che Europa deve pagare per passato coloniale
A Catania l'arrivo dei migranti dopo l'ultima tragedia del Mediterraneo
La destra norvegese vuole rispedire indietro tutti i profughi
Tags:
migranti, profughi, RTS, Macedonia, Serbia, Turchia, Grecia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik