02:25 26 Settembre 2018
giornali

Le prime pagine del 24 agosto

© Fotolia / Pio Si
Mondo
URL abbreviato
0 0 0

L'immigrazione domina il panorama delle prime pagine italiane con l'apertura delle frontiere in Macedonia e le preoccupazioni dell'Europa, che non sa come affrontare l'emergenza che sembra non finire mai.

La Repubblica apre riportando nel taglio alto l'articolo di fondo del presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, "L'Europa che voglio non è quella dei muri". Il quotidiano riferisce anche dell'apertura delle frontiere in Macedonia, notizia ripresa anche dalla Stampa nel taglio alto del quotidiano, "si apre il fronte serbo, passano in ottomila".

Entrambi i quotidiani dedicano uno spazio in prima pagina a Jihadi John, "il boia dell'Isis a volto scoperto" che appare "per la prima volta in un video", come riferisce il quotidiano torinese: "Torno a Londra, taglierò altre teste". La Repubblica gli dedica anche un articolo di spalla di John Lloyd, intitolato "Quei nostri ragazzi sedotti dall'odio".

Il Corriere della Sera riporta in centro pagina un reportage dalla Macedonia, "Tra i migranti che abbattono il primo muro dell'Europa", dedicato ai tempi, concessi dagli Stati, e ai costi sostenuti, perchè un migrante arrivi nel nord Europa. Nel taglio alto, il quotidiano nazionale apre con la politica interna, riferendo della nuova polemica con la Santa Sede: "Le unioni civili entro l'anno. Il governo dopo il no di Bagnasco: rispettiamo la Chiesa ma andiamo avanti".

Anche il quotidiano romano Il Messaggero apre con l'immigrazione: "Allarme profughi anche a Berlino". E riporta nel riassunto le difficili posizioni di Germania e Italia. "Il vice Merkel. Troppe richieste d'asilo, per la Germania la sfida più grande della riunificazione. L'Italia: stabilizzare la Libia a ogni costo o sarà il caos. Resa della Macedonia: frontiere aperte". Spazio anche nel Messaggero alla politica interna con il disegno di legge sulle unioni civili: "Nuovo no dei vescovi, ma Renzi avverte: andiamo avanti".

Il Giornale apre con un titolo a centro pagina a effetto sull'immigrazione: "Invasione via terra" e nel catenaccio spiega: " Continuano gli sbarchi, ma ora è allarme soprattutto sul fronte del macedonia: migliaia di profughi spingono per entrare in Europa. E' un'emergenza infinita."

L'articolo di fondo di Vittorio Feltri è dedicato al crollo di Shangai, "La Cina è a fine corsa e ora diventerà molto simile a noi".

Lo speciale del lunedì de Il Fatto Quotidiano è dedicato ai sindacati. "Le diecimila poltrone dei sindacati. Cgil, Cisl e Uil rivelano spesso stipendi da super manager. Ma nella vita del sindacato pesano migliaia di incarichi in enti, fondi e istituti collaterali, spesso non controllati e nascosti ai più. Ecco la mappa".

Anche oggi la crisi ucraina e la tragedia umanitaria che vive il Donbass da più di un anno non trova spazio nelle prime pagine dei maggiori quotidiani italiani.

Correlati:

Nuovo crollo per la Borsa di Shanghai
I migranti sono il prezzo che Europa deve pagare per passato coloniale
Lotta al terrorismo, 33 attacchi aerei contro il Daesh in Siria e Iraq
Tags:
profughi, migranti, UIL, CISL, CGIL, Commissione Europea, Angela Merkel, John Lloyd, Jean-Claude Juncker, Donbass, Italia, Germania, Shanghai, Cina, Cina, Macedonia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik