00:37 25 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
2123
Seguici su

Il presidente Putin ha dichiarato che l’attuale scalata della tensione in Ucraina non è dovuta alle azioni delle milizie, ma alla politica del governo di Kiev.

"Oggi, putroppo, stiamo assistendo a un'escalation del conflitto, ma la colpa non ricade sulle milizie, bensì sulla parte opposta",

ha detto il presidente ai giornalisti.

Vladimir Putin spera che nel Donbass non si arrivi comunque ad una guerra aperta tra le milizie e l'esercito ucraino, e continua a ritenere che non esistano alternative agli accordi "Minsk-2".

"Spero che si riesca ad evitare grandi scontri",

ha detto Putin.

Commentando la reazione del presidente Poroshenko alla sua visita in Crimea, il presidente della Russia ha dichiarato che gli abitanti di Crimea hanno fatto la loro scelta definitiva, votando a favore di riunificazione con la Russia.

"No, non intendo commentare nulla in proposito, perché il futuro della Crimea è stato deciso da coloro che vivono su questa terra. Sono stati loro a votare a favore della riunificazione con la Russia. Punto e basta",

ha detto Vladimir Putin ai giornalisti.

Ieri Poroshenko ha detto che la visita del presidente russo in Crimea doveva essere concordata con Kiev.    

Correlati:

Nonostante boicottaggio estero turismo in crescita in Crimea
Putin sarà in Crimea per la riunione del Presidium del Consiglio di Stato sul Turismo
Tags:
Tensione in Ucraina, Vladimir Putin, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook