08:09 18 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
333
Seguici su

Il ministero degli Esteri tedesco non ha ricevuto dai rappresentanti di Donetsk e Lugansk nessun documento relativo alla minaccia di una escalation di violenza nella regione, ha dichiarato oggi in una conferenza stampa il portavoce del dicastero Martin Schäfer.

In precedenza i rappresentanti delle autoproclamate Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk avevano annunciato di voler lanciare un appello a Francia e Germania in qualità di membri del "formato della Normandia" "sulla escalation della violenza nella regione.

"Non posso confermare che questo sia stato ricevuto attraverso i canali diplomatici od altri," — ha detto Schäfer, aggiungendo di non escludere che il documento possa pervenire in futuro", attraverso l'ambasciata o il ministero degli Esteri."

La Germania e la Francia, insieme alla Russia e all'Ucraina hanno lavorato e firmato gli accordi di Minsk a febbraio, basati essenzialmente sul cessate il fuoco. Tuttavia, negli ultimi giorni, gli attacchi si sono intensificati e la missione OSCE ha documentato l'assenza delle armi pesanti dai luoghi in cui si sarebbero dovute trovare.

Tags:
Accordi di Minsk, Politica Internazionale, Guerra, Bombardamenti, Ministero degli Esteri, Martin Schäfer, Germania, Repubblica popolare di Donetsk, Repubblica Popolare di Lugansk, Donbass
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook