22:43 25 Settembre 2017
Roma+ 19°C
Mosca+ 10°C
    Marines USA

    Generale USA avverte, la Russia è l'avversario più pericoloso per gli Stati Uniti

    © AFP 2017/ Paul J. Richards
    Mondo
    URL abbreviato
    61299417

    Il capo di Stato Maggiore dell'esercito USA, il generale Raymond Odierno, parlando durante una conferenza stampa al Pentagono, ha detto che la Russia è uno dei Paesi più pericolosi per gli Stati Uniti.

    "La Russia è la più pericolosa per diverse ragioni. Soprattutto è più preparata rispetto ai nostri altri potenziali avversari", — RIA Novosti cita le parole del generale.

    Inoltre è convinto che la Russia abbia "grandi possibilità per condurre operazioni molto complesse in Ucraina." Per questo motivo Raymond Odierno ritiene necessario ampliare le capacità militari delle forze NATO in Europa orientale.

    "Dobbiamo continuare il riposizionamento della NATO in termini di capacità militari," — ha aggiunto il generale.

    Il 15 agosto Raymond Odierno lascerà il suo posto per limiti di età, dopo aver compiuto 60 anni. Il generale è un veterano della guerra in Iraq: era stato il comandante delle forze della coalizione internazionale dal 16 settembre 2008.

    Ricordiamo che lo scorso luglio un altro generale americano di alto rango, il comandante del Corpo dei Marines Joseph Dunford, aveva bollato la Russia come la principale minaccia alla sicurezza degli Stati Uniti.

    Secondo lui, la Russia ha un arsenale nucleare sufficiente per minacciare la sovranità degli alleati degli USA. Inoltre ritiene ragionevole l'idea di inviare armi letali in Ucraina.

    Dal 2013 al 2014 Dunford aveva comandato il contingente ISAF in Afghanistan.

    Entrambi i generali hanno esperienza di servizio in "punti caldi" ed entrambi considerano la Russia il nemico più pericoloso capace di intraprendere azioni militari.

    Tags:
    Geopolitica, Difesa, Sicurezza, esercito USA, Esercito russo, Raymond Odierno, Joseph Dunford, Europa orientale, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik