16:17 21 Settembre 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 15°C
    La cooperazione tra Cina e Russia

    Russia, nel 2016 al via costruzione del ponte ferroviario sul fiume Amur

    © Fotolia/ Zerbor
    Mondo
    URL abbreviato
    159961

    L’infrastruttura collega la Federazione con la Cina, che ultimerà la propria parte alla fine dell’anno.

    All'inizio del 2016 comincerà la costruzione della parte russa del proprio settore del primo ponte ferroviario sul fiume Amur, che collega il paese alla Cina. Lo ha annunciato il vice primo ministro Yuri Trutnev.

    "A seguito della riunione di una commissione governativa, è stata presa la decisione di finanziare questo progetto, che sarà a spese del Fondo per lo sviluppo dell'Estremo Oriente e del Fondo per gli investimenti diretti russi — ha spiegato Trutnev parlando con i giornalisti. — I lavori cominceranno l'anno prossimo e dovrebbero durare un anno e mezzo".

    Un panorama di Amur
    Un panorama di Amur
    L'accordo intergovernativo tra i due paesi per la nascita dell'infrastruttura era stato firmato nel 2008. La parte cinese, invece, è già al lavoro e in base alle previsioni dovrebbe concludere la sua parte dell'opera alla fine del 2015.

    Secondo le stime di Pechino, il nuovo ponte sul fiume Amur permetterebbe di ridurre le distanze per le spedizioni di merci dalla provincia di Heilongjiang alla Russia.

    I primi rapporti sull'opera suggeriscono che la Cina ad aprile del 2015 ha investito circa 150 milioni di dollari nel progetto, che costerà complessivamente 426 milioni.    

    Correlati:

    Russia e Cina insieme possono cambiare ordine mondiale a propria discrezione: incubo USA
    La Russia potrebbe ottenere le Mistral a prezzo vantaggioso grazie alla Cina
    Russia, Lavrov sottolinea priorità nei legami con la Cina
    Medvedev sicuro, la Russia ha bisogno di un partner forte e serio come la Cina
    Quotidiano polacco: Russia e Cina stanno diventando una sfida troppo grande
    Tags:
    ponte, accordo, Yuri Trutnev, fiume Amur, Russia, Cina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik